Alfajores al triplo cocco

alfajores al triplo cocco

Delle mie difficoltà a nutrirmi del viaggio in Argentina ve ne avevo già accennato, d’altra parte non è difficile da immaginare che una come me abituata a cibarsi di cibi vegetali, non sia facile trovare qualcosa di “commestibile” in una terra dove si coltiva davvero poco e si alleva molto.

Ma la mia curiosità mi spinge, una volta a casa, magari anche dopo tanto tempo, a riprodurre in versione vegetale piatti tipici di altre terre.

E così è successo e, a distanza di 4 anni dal viaggio, ho sperimentato gli alfajores (nel caso ve lo state chiedendo tradizionalmente vengono fatti con il grasso bovino 😦 ).

Il dulce de leche de coco lo avevo già provato tanto tempo fa con la buonissima ricetta di Alice di KitchenBloodyKitchen e, come dice lei è “Meraviglioso sul pane, sul gelato, nei dessert, ma anche a dito se poprio non si trova nulla con cui accompagnarlo”. In questo caso ho apportato davvero pochissime modifiche.
Questa volta non ho fatto altro che preparare dei biscotti friabili, dal leggero sentore di cocco e limone e poco dolci dal momento che poi vanno farciti con un’abbondante dose di dulce de leche.

Non me ne vogliano i miei amici argentini se mi sono permessa di stravolgere la ricetta originale!

Con questa ricetta partecipo alla raccolta invernale di IntegralMente di Daria tutta dedicata al farro.

alfajores al triplo cocco

Alfajores al triplo cocco

Ingredienti per circ a 15 biscotti:

100 gr di farina di farro semintegrale
80 gr di maizena
una presa di bicarbonato
35 gr di olio di cocco
la buccia di un limone bio
3 cucchiai di malto di riso
acqua q.b.
qualche cucchiaio di cocco grattugiato

per il dulce de leche de coco:

2 lattine di latte di cocco
300 gr di zucchero di canna
1 cucchiaio di zucchero di cocco
una presa di sale
una presa di bicarbonato

Preparare in anticipo il dulce de leche sciogliendo lo zucchero di canna nel latte di cocco. Portare a bollore, aggiungere zucchero di cocco, sale e bicarbonato ed abbassare la fiamma facendo cuocere a lungo fino ad ottenere un caramello piuttosto spesso. Mescolare spesso e spegnere il fuoco quando, facendo la prova del piattino, si ottiene un composto appiccicoso e consistente. Versare in un vaso e lasciar raffreddare.

Per i biscotti mescolare farina e maizena con il bicarbonato, aggiungere a filo l’olio di cocco fuso ma non caldo e sabbiare. Insaporire con la scorza del limone e infine impastare con il malto e l’acqua necessaria ad ottenere un panetto compatto.

Schiacciare il panetto con le mani e metterlo in un foglio di pellicola piegato a metà. Con il mattarello stenderlo ad uno spessore di un centimetro e poi conservarlo in frigo per 30 minuti.

Preriscaldare il forno a 160º.

Prelevare l’impasto dal frigo e stenderlo ad uno spessore di mezzo centimetro. Tagliare dei biscotti tondi del diametro di circa 4 cm e disporli ben distanziati su di una teglia rivestita di carta forno. Cuocere i biscotti facendo attenzione a non farli dorare troppo. Lasciarli raffreddare.

Versare il dulce de leche in una sac-a-poche dal beccuccio sottile e liscio e farcire con uno strato abbastanza ricco i biscotti accoppiandoli due a due. Passare infine il bordo di ciascun alfajor nel cocco grattugiato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in biscotti, dal mondo, dolci, dolci monoporzione, finger food, integralmente, progetti, vegan, viaggi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Alfajores al triplo cocco

  1. Daria ha detto:

    Che golosità! Non conoscevo questi dolci nella loro versione originale, ma per quel che mi riguarda la tua versione “stravolta” mi sembra perfetta! 😉
    PS: tra l’altro vedo che usi la farina semintegrale di farro, quindi potrebbero starci bene nella raccolta Integralmente di questa stagione che è dedicata proprio al farro…

  2. irene ha detto:

    Help Daria…i biscotti SN venuti buoni…la crema anche ma nn è addensata..cm faccio??ci metto un po di agar agar o un po di farina d riso x farla addensare??

    • xcesca ha detto:

      Sono Francesca 🙂
      Hai gatto riposare e raffreddare il dulce de leche? Se necessario può metterlo una notte in frigo. Ma se è molto liquido ti consiglio di rimetterlo sul fuoco e farlo cuocere anche come fosse una marmellata. Tieni conto che da due lattine di latte di cocco ottieni poco più di un vasetto di dulce de leche.

  3. broccolo&carota ha detto:

    Questa la faccio! Giurin giuretta!

  4. MeInMilan ha detto:

    Molto belli e buonissimi direi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...