Zelten, la mia versione

DSC09297.JPG?w=640

Pochissimi giorni a Natale, uno in meno alla mia partenza, ma quest’anno voglio lasciarvi un paio di ispirazioni.

La prima è un menù.. sebbene il più delle volte a Natale non ci siamo, mi sono divertita a cercare tra le ricette pubblicate per farvi una proposta da portare in tavola alla vigilia o per il pranzo del 25.

Noi la cena in famiglia la faremo questa sera, con un menù molto semplice e concludendo con una bella fetta di panettone vegano de Le Chicche. Il tempo per preparare non è molto e preferisco passare una serata tranquilla senza impazzire troppo.

Ma se avete un po’ più di tempo e volete stupire i vostri ospiti con qualcosa di un po’ più particolare vi propongo questo menù:

DSC09297.JPG?w=427cestini di quinoa autunnale

mezzelune di ceci al rosmarino
con crema di zucca e tartufo

polpettone ai broccoli

insalata di finocchi, datteri, olive e capperi
e patate al forno

zelten

Come vedete non è niente di eccessivamente pesante. L’anno scorso il mio pranzo di Natale è consistito in un piatto di riso basmati con degli spinaci d’acqua saltati 🙂
Penso sia passata l’era in cui per forza bisognava abbuffarsi in queste occasioni. Chi ha la fortuna di poter avere libero accesso al cibo non ha senso che “faccia scorte” e magari ci fa solo bene valorizzare il semplice stare insieme.

Essendo la quinoa proteica, e dato che le mezzelune contengono un goloso ripieno di ceci, ho preferito un secondo a base di verdura.

E come dolce? Oggi vi lascio una ricetta che nella tana sa di Natale, una ricetta tipica trentina di un dolce ricco di frutta secca che si è sempre mangiato a casa mia.

Sono partita dalla ricetta che usa mia mamma ed ho cercato di renderla vegetale. Per l’occasione ho sperimentato il burro veg di Francesca di BeautyFoodBlog, nello specifico questo. Per questa ricetta fa molto bene il suo lavoro, ma non l’ho provato per altro.
Naturalmente, come sempre, non sono stata capace di seguire la ricetta al 100% (mannaggiaamé!), infatti ho sostituito il 50% dell’olio di cocco (che avevo finito), con pari burro di karitè.
Voi fate un po’ come preferite, naturalmente il consiglio è di utilizzare materie prime di  qualità dal momento che oltre a veganizzare la ricetta, ho voluto renderla anche più sana sostituendo ad esempio lo zucchero bianco con quello di cocco, ad indice glicemico più basso.

Cotto in piccole tortiere come ho fatto io può essere anche un bel pensierino da inserire in un cesto regalo. Si conserva per diversi giorni in un sacchetto di cellophane.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta Dolce Natale di GocceD’aria.. e vi saluto augurandovi un sereno Natale.

PS: se volete rimanere aggiornati su come proseguirà il nostro viaggio in Tanzania vi aspetto sulla pagina facebook e su instagram!

Zelten veg

Ingredienti per 5 tortiere da 13 cm di diametro:

250 gr di frutta secca mista (noci, nocciole, mandorle)
250 gr di frutta disidratata e canditi misti (uvetta, fichi, datteri, arancia candita)
250 gr di farina semintegrale di grani antichi
mezza bustina di lievito a base di cremor tartaro
125 gr di zucchero di cocco
100 gr di burro veg
20 gr di grappa
60 gr di latte vegetale
frutta secca q.b. per decorare

Macinare la frutta secca a farina grossolana e unirla in una ciotola con la farina, lo zucchero di cocco, il lievito e la frutta disidratata a pezzetti.

Aggiungere il burro ed iniziare a mescolare strofinando l’impasto. Terminare infine con grappa e latte di soia. Il composto sarà consistente e un po’ appiccicaticcio.

Imburrare leggermente gli stampi e riempirli livellando con le mani l’impasto. Decorare poi con la frutta secca.

Cuocere in forno preriscaldato a 180° finchè i bordi non inizieranno a scurirsi leggermente.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in autoproduzione, chiacchiere, dolci, idee regalo, torte, vegan e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Zelten, la mia versione

  1. Daria ha detto:

    Non conoscevo questo dolce, ma mi ispira proprio Natale con tutta questa frutta secca! Vediamo se durante queste feste avrò modo di provarlo! Grazie per avermelo fatto conoscere, buone feste e buon viaggio!

    • xcesca ha detto:

      La tua raccolta mi ha proprio ispirata, non appena ho letto il tuo post mi è fulminata questa idea.. e devo dire che la veganizzazione è stata pure semplice! Ora lo rifarò sicuramente! Grazie dello spunto 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...