Involtini di cicoria ripieni di cous cous

involtini di cicoria e cous cous

Sono giornate intense, tanto per cambiare, ma sabato scorso è stata davvero una giornata speciale perchè sono poche le occasioni in cui riesco ad organizzare un laboratorio di cucina naturale, ma ogni volta è una sorpresa.. si incontrano persone speciali, diverse, ma sempre curiose e con tanta voglia di confrontarsi ed incontrare gli altri.

Trattandosi del contesto di una festa di paese, ho preferito non concentrarmi tanto sul fatto che in effetti si cucinasse vegano, ma piuttosto sulla sostenibilità del nostro sistema alimentare. E come sempre ho preferito usare ingredienti semplici, facilmente reperibili per poi scoprire che un menù bio, sostenibile e a km 0 non costa assolutamente di più di uno tradizionale con ingredienti comprati al supermercato.

Ecco cosa ne è emerso:

MenuConfrontoQuesto post lo voglio dedicare a tutti i partecipanti ai due laboratori, ma anche a chi è passato a curiosare, alla signora con il balcone che si affaccia sul patio per la sua disponibilità e per averci aiutato, a tutta la mia famiglia che ha contribuito in un modo o nell’altro alla realizzazione del laboratorio (eh sì, ho mobilitato un po’ tutti! 😉 ).

Naturalmente grazie anche alla Manu, alias anima e corpo del negozio Ranocchio Verde che ha fornito i buonissimi ingredienti locali e bio che abbiamo utilizzato, e al comitato di “Un borgo e il suo fiume” che lo ha voluto che il laboratorio fosse parte della manifestazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altre foto le trovate sulla pagina facebook de LaTanaDelRiccio.

Ma prima della ricetta, antipasto del menù realizzato, ci vuole una piccola premessa: a casa l’avevo realizzata con la cicoria dell’orto, il risultato mi è piaciuto moltissimo ma era sicuramente amarognolo (io amo i gusti amari!).. così ho pensato che forse potesse andare meglio con la “pan di zucchero”, ma qualcuno ha trovato leggermente amara anche quella.
Insomma, regolatevi un po’ voi in base ai vostri gusti, eventualmente potete usare qualsiasi altro tipo di insalata 🙂

Da domani comincerò con le attività estive del centro quindi non so quanto riuscirò ad essere presente, ma farò il possibile per postare i miei pranzi da asporto. Intanto ho una scorta di farro, riso integrale e ceci cotti.. ogni giorno abbinerò un cereale a delle verdure fresche e un po’ di legumi.. non è poi tanto difficile mangiare sano anche fuori casa!

Involtini di cicoria ripieni di cous cous

Ingredienti per 4 involtini:

una tazzina di cous cous di semola
un pizzico di curcuma
un mazzetto di prezzemolo e menta
4 foglie di cicoria
un limone
uno spicchio d’aglio
olio evo q.b.
sale integrale e pepe nero q.b.

Versare il cous cous in una tazza grande e coprirlo con un centimetro di acqua bollente leggermente salata. Coprire e lasciar riposare 5 minuti.

Nel frattempo tritare prezzemolo e menta. Quando il cous cous si sarà gonfiato sgranarlo con una forchetta aiutandosi con un filo di olio evo e mescolarlo alle erbe aromatiche e a poco pepe nero lasciandolo insaporire.

Portare ad ebollizione abbondante acqua salata e tuffarvi le foglie di cicoria per 3 minuti, prelevarle poi delicatamente con una schiumarola e farle sgocciolare.

Alla base di ogni foglia versare un cucchiaio di cous cous aromatico e richiudere la foglia a involtino stretto.

In una padella scaldare l’olio con lo spicchio d’aglio, quando inizierà a profumare aggiungere gli involtini e farli rosolare da entrambi i lati. Versare poi il succo ricavato dal limone e far sfumare.

Spegnere il fuoco e consumare possibilmente dopo qualche ora (anche il giorno successivo) a temperatura ambiente.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in antipasti, chiacchiere, finger food, vegan e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Involtini di cicoria ripieni di cous cous

  1. broccolo&carota ha detto:

    Cicoria? Perchè no! Mi sembra proprio golosa!

  2. Daria ha detto:

    Originalissima veste per la cicoria! Anche a me piace, invece le bimbe non la vogliono proprio vedere per il gusto amaro… forse se usassi la bieta togliendo la costa potrebbe piacere anche a loro…

  3. Astrid ha detto:

    Bellissimo evento!
    Sono sicura che tutti i partecipanti si siano divertiti e abbiano capito quanto ci vuole poco per cambiare le proprie abitudini, poco poco un po’ per volta!
    La ricetta è fantastica! 🙂

  4. londarmonica ha detto:

    Ottima idea mettere a confronto i menù.
    Quanto avrei voluto essere presente, da quello che leggo sei stata fantastica!!! Complimenti 💐

  5. xcesca ha detto:

    Broccolo&carota.. passando con il mouse sul tuo nome il link è http://broccolo&carota.wordpress.com/ e a me non funziona.. funziona invece http://broccolocarota.wordpress.com/
    🙂

  6. labalenavolante ha detto:

    Uau che bella idea quella di mettere i menù a confronto… sto facendo un’idagine di mercato proprio in questi giorni, per un laboratorio che terrò a ottobre, confrontando prodotti non veg con altri veg… mi sta tornando molto utile perchè ero rimasta un po’ fuori dal mondo rispetto al costo di certi ‘alimenti’ (formaggi, carne, latte vaccino). Sono passati anni dall’ultimo acquisto di prodotti di origine animale, non avevo più idea di quanto costassero.. Così quando ora mi dicono che mangiare vegan è caro posso anche fare confronti più mirati (es. burger veg autoprodotti vs burger di animale).. In questi giorni guardavo le tue foto dei pranzi su instagram, rivedo anche i miei, visto che ho un lavoro stagionale d’estate che non mi lascia tempo per fare nulla, avere cereali già pronti in frigo mi aiuta a ottimizzare i tempi 🙂 Mi sono data anche alla produzione indutriale di burger, che conservo in freezer e scongelo all’occorrenza 🙂
    La cicoria è l’unica insalata che mi è cresciuta nell’orto… (!!!) ne ho in abbondanza per sperimentare questi involtini 🙂
    un bacione

    • xcesca ha detto:

      Ma che bello trovare qualcun altro che ha voglia di approfondire questi temi! Mi trovo perfettamente d’accordo con te.
      Io giusto oggi ho preparato dei burger con un po’ di avanzi del frigo, magari me li porto al lavoro uno dei prossimi giorni 🙂 .. ma non li faccio spesso.. dovrei approfondire un po’ l’esperienza in questo settore 😀
      Buona settimana!

  7. Pingback: Casarecce di ceci al pesto di rucola su letto di peperoni al balsamico | la tana del riccio

  8. Pingback: Orzo primavera | la tana del riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...