Conchiglie di riso venere con pesto di rucola e carote e tofu caramellati

conchiglie di riso venereMi sono impegnata e questa volta pubblico una ricetta salata 🙂

I pasti ultimamente, quando non sono preparati di fretta la sera prima o la mattina presto per essere portati al lavoro, non si sa bene a che ora sono o da cosa sono composti. Ieri ad esempio ho pranzato al volo alle tre di pomeriggio.. per fortuna avevo in frigo dal giorno prima delle raw polpette ricavate dall’okara di mandorle, altrimenti ero seriamente intenzionata ad andare a prendermi al supermercato vicino al lavoro un minestrone di verdure da consumare freddo.

Ma nel fine settimana il moroso ha accettato di assaggiare questa pasta nerissima che mi ispirava da un sacco.

Dovete sapere che un sacco di anni fa mi avevano fatto i test per la celiachia e nel frattempo che aspettavamo la risposta mia mamma aveva preparato la pasta di riso di una nota marca. Beh, ero rimasta traumatizzata, non mi era piaciuta per niente. Per fortuna il test era negativo e così sono tornata volentieri alla pasta tradizionale (o al riso in chicco ;)).

Ma ormai era venuto il momento di riprovare, complice un’offerta nel mio negozietto di fiducia, e la consapevolezza che in questo caso si trattava di un prodotto di qualità.

Il gusto è quello del riso venere (ma va??) che io adoro e con questo condimento mi è piaciuto molto (per la cronaca ci ho condito anche altri cereali con ottimi risultati). Certo, continuo a preferire il chicco integro, ma per cambiare non è niente male, anche nel caso in cui si preferisca diminuire il glutine ma si abbia voglia di un piatto di pasta.

Vi saluto e.. alla prossima ricetta! (molto probabilmente dolce, hehe)

Conchiglie di riso venere con pesto di rucola e carote e tofu caramellati

Ingredienti per 2 persone:

200 gr di pasta di riso venere
un cucchiaio di olio evo
2 carote
un panetto di tofu
sale integrale alle erbe
2 cucchiai di succo concentrato di melograno
2 cucchiai di salsa di soia

per il pesto di rucola:

un mazzetto di rucola
un pugno di mandorle spellate
un pizzico di sale integrale
un pizzico di aglio in polvere
olio evo q.b.

Preparare il pesto: lavare la rucola, asciugarla e tagliarla grossolanamente. Frullare poi la rucola con tutti gli altri ingredienti aggiungendo a filo l’olio necessario ad ottenere la consistenza desiderata.

Tagliare e carote a cubetti di mezzo cm di spessore e saltarle nell’olio insieme a poco sale alle erbe. Aggiungere poi il tofu e rigirare fino a quando non risulta tutto leggermente dorato.

Bagnare con poca acqua in modo da cuocere al dente le carote. Quando inizia a ristringersi il fondo di cottura aggiungere anche il succo concentrato di melograno e la salsa di soia. Rigirare ancora due minuti e spegnere il fuoco.

Nel frattempo cuocere al dente la pasta, condirla con due cucchiai di pesto e saltarla con le carote e il tofu.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in pasta, piatti unici, primi, riso, salse sughi condimenti, senza glutine, soia tofu e seitan, vegan e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Conchiglie di riso venere con pesto di rucola e carote e tofu caramellati

  1. Felicia ha detto:

    Bellissima, non conosco questa pasta, come ben sai io consumo solo pasta senza glutine, preferisco la pasta di mais ma di buona qualità, non la pasta del supermercato…!!!! questa mi attira tantissimo, adoro il riso e come te lo preferisco in chicco… ma spero di trovarla per provarla… la tua proposta è molto invitante, belli i colori e i sapori, da provare!!! un mix perfetto 🙂

    • xcesca ha detto:

      Nel tempo sto imparando a conoscere i tuoi gusti e sono sicura che ti piacerà molto!
      Prima o poi voglio provare anch’io la pasta di mais, e verrò da te a cercare la ricetta adatta 😉

  2. Ale ha detto:

    Ma che meraviglia questo piatto, bellissimi colori e sicuramente ottimi sapori!
    Una volta ho usato anch’io una pasta di riso nero ma non sono riuscita a cucinarlo bene e non mi è rimasto un buon ricordo, forse ho sbagliato qualcosa 😦

    • xcesca ha detto:

      Diciamo che io l’ho tenuta parecchio al dente per paura che diventasse un pappone. È rimasta duretta ma a noi piace così 🙂
      L’unica cosa che ho notato è che si appiccica un po’ di più ai denti 😉

  3. Terry ha detto:

    Io la pasta di riso non l’ho mai provata ma siccome adoro il riso venere credo che amerei questa pasta, poi mi piace anche il condimento! Brava! 😉

  4. Pingback: Casarecce di ceci al pesto di rucola su letto di peperoni al balsamico | la tana del riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...