Quinoa ai mirtilli e germogli per Salutiamoci!

Una sera, seduta attorno al fuoco sul cratere del vulcano Rinjani, in Indonesia, mi sono trovata a parlare con cinque spagnole di quello che mangio, e nel discorso hanno nominato quinoa.

L’ultima volta che l’avevo mangiata era stato in una trattoria di El Calafate, in Argentina, con delle verdure stufate. Prima l’avevo assaggiata solo un altro paio di volte.

Così, di ritorno dal nostro viaggio l’ho comprata e.. nel giro di un paio di settimane ho trovato i blog che seguo pieni zeppi di ricette con la quinoa! Sarà sintonia tra blogger? Sarà che è perfetta per i pasti estivi, da mangiare come un cous cous, un tabuleh, con quello che si trova nell’orto, in insalata, per riempirci le verdure..

Fatto sta che è venuto il momento di pubblicare anche una mia ricettina, un po’ particolare ma allegra, colorata e ben bilanciata. La consistenza è croccantina grazie al chicchi di quinoa ed ai germogli, il dolce delle carote è ben equilibrato dalle olive taggiasche, e mirtilli e timo-limone danno una nota acidula che in estate ci sta proprio bene.

Purtroppo durante la gita di ferragosto ho trovato 4 mirtilli di numero, che ovviamente mi sono mangiata in purezza direttamente sul posto, e così questi sono i mirtilli del mercato a km 0.

I germogli li avevo un po’ abbandonati dopo che il mio bellissimo germogliatore in terracotta mi aveva dato un po’ di problemi con la muffa. Poi CescaQB è venuta in mio aiuto suggerendomi di usare un semplice vaso di vetro. Allora ho messo a bagno le lenticchie per una notte in abbondante acqua fresca. Al mattino le ho scolate e rimesse nel vaso che ho lasciato con il tappo solo appoggiato ed in posizione orizzontale. Per circa 4 giorni le ho bagnate e scolate mattina e sera finché non si sono formati  i bei germoglietti che vedete in foto!

Mi sono solo pentita di non averne fatta dose doppia di questo piatto per portarmelo nel bento al lavoro.

Porto questa quinoa a Brii per Salutiamoci! di questo mese.

In questi giorni sto ricominciando pian piano a fare un po’ di cose.. la pasta madre sta bene ma nelle ciabatte mi sono dimenticata di aggiungere il sale, ho fatto tre focaccione per la squadra del moroso e già che c’ero anche dello sciroppo di limone, sempre per loro. Qui l’etichettina che ho preparato ben conscia che i calciatori non se ne sarebbero nemmeno accorti, ma felice perché mi diverto a fare queste piccole cose (e il moroso l’ha pure notata, incredibile!).

Un’amica mi ha anche spacciato dei kefirini, che sto provando a convertire al latte di soia seguendo le indicazioni di Daria. Speriamo bene!

kefir

Ed ho pure ricominciato a fare qualche foto dopo il blocco da rientro dalle ferie.. si ritorna alla normalità insomma, ma temo che dovrò anche ricominciare a fare le corse, a lavorare ore in più, a non riuscire a staccare una volta a casa.

Pensiero positivo.. le ferie servono anche a capire le priorità della vita, ed io le ho chiare, vediamo di continuare su questa strada 😉

Aggiornamento a marzo 2014:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! di questo mese, ospitato da Daria di GocceD’aria!

Quinoa ai mirtilli e germogli

Ingredienti per due porzioni:

140 gr di quinoa il doppio in volume di acqua un pizzico di sale integrale mezza cipolla bianca una carota 2 cucchiai di olive taggiasche 2 manciate di germogli di lenticchia 4 cucchiai di mirtilli un cucchiaio di olio evo un rametto di timo-limone

In una pentola versare la quinoa con il doppio in volume di acqua ed un pizzico di sale. Coprire e portare dolcemente ad ebollizione. Sarà cotta quando tutta l’acqua sarà stata assorbita. Sgranare con una forchetta.

Nel frattempo appassire la cipolla tritata finemente nell’olio. Aggiungere anche la carota a cubetti piccolini e stufare aggiungendo eventualmente poca acqua. Quando le verdure saranno ammorbidite spegnere il fuoco, aggiungere le olive, i germogli e le foglioline di timo-limone e rigirare. Versare poi anche la quinoa e lasciar insaporire qualche minuto.

Quando sarà tutto tiepido unire anche i mirtilli rigirando molto delicatamente. Servire tiepido o a temperatura ambiente.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cereali, chiacchiere, contest, dal mondo, primi, progetti, salutiamoci!, senza glutine, vegan, viaggi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Quinoa ai mirtilli e germogli per Salutiamoci!

  1. Katy ha detto:

    Bello Cesca! Eh sì, io adoro la quinoa! (E per me è raro, non amo troppo i cereali in chicco… forse mi piace perché lei non è un cereale? 😉 )
    Sui germogli sono come te… ho lasciato un po’ perdere dopo l’ennesima muffa, a me si forma nella radichetta che cresce verso il basso, anche a te?
    Magari provo anch’io col barattolo di vetro!
    Comunque mi piace un sacco questo abbinamento che hai creato… e la tua etichetta è carinissima! 🙂

    • xcesca ha detto:

      Katy, io invece amo i cereali in chicco (a parte l’amaranto.. che tra l’altro non è un cereale 🙂 ) ma questa quinoa davvero dovrei prenderla più spesso!
      Ora deve superare solo al prova moroso 😉
      Ma anche tu hai il germogliatore in terracotta? Io credo che il problema sia dovuto al fatto che i semini rimanevano troppo umidi, e quindi si formava muffa.. a dir la verità non ti so dire esattamente dove. Inoltre la radichetta si incastrava irrimediabilmente nei buchini del germogliatore e dovevo passarli uno a uno con lo stuzzicadenti.
      Con il vaso non ho avuto nessun problema.. magari la prossima volta faccio una prova con dei semini più piccoli che sono più “rognosi”
      Grazie di essere passata!

      • Katy ha detto:

        Sì, anche a me si incastrano nei buchini! 😦
        Io ho un piccolo germogliatore in plastica; in realtà non so bene se quella che mi si forma sia muffa… nella radichetta in basso (che è di colore bianco) nascono un sacco di “peletti” bianchi, che sembrano spore di muffa, anche se avevo letto che in alcuni germogli è la loro normale fisionomia data dalla mucillagine che rilasciano (quelli di rucola, forse?) e non bisogna preoccuparsi.
        Però ultimamente me l’ha fatto anche con quelli di cavolo rosso e ho buttato via tutto 😦
        Alla prossima provo col vaso 🙂

  2. CescaQB ha detto:

    Ma dai sai sempre come sorprenderm i mirtilli non ce li avrei mai immaginati…chissà che sapori 🙂
    Seisempre super produttiva 🙂

  3. Daria ha detto:

    Oh, finalmente ecco la tua quinoa! Golosissima con i mirtilli! Se li trovo in montagna la provo sicuramente, tanto ormai conosci la mia passione! Buon lavoro con i granuli di kefir, tienimi aggiornata!

    • xcesca ha detto:

      Hehe, è scoppiata la quinoa-mania 😉 E’ proprio buona!
      Ti ho scritto un commento sulla foto del kefir su fb.. ho bisogno della tua consulenza! 😉

  4. brii ha detto:

    Oh come sono contenta di una ricettina salata con i mirtilli!
    Grazie di averla condivisa con Salutiamoci!
    baciusssss

  5. broccolocarota ha detto:

    Che bella e fresca idea! Ottima per il rientro vacanze! La provo di sicuro!

  6. Felicia ha detto:

    Ben tornata…. un rientro alla grande con questo sfizioso piatto di quinoa!!!! Quest’anno è l’anno internazionale della Quinoa, ho celebrato questo anniversario riempiendo le cipolle….. anch’io come te non cucino spesso la quinoa ed è un vero peccato, è buonissima 🙂

    • xcesca ha detto:

      Wow! non sapevo che fosse l’anno internazionale della quinoa! L’ho riscoperta proprio nel momento giusto! E’ proprio buona..
      Cipolle?? Mi piace qualsiasi cosa con le cipolle.. corro a vedere!

  7. Barbara ha detto:

    Ho scoperto la quinoa qualche anno fa a Natale e da allora non l’ho più abbandonata! Mi piace moltissimo questa tua versione con i mirtilli, estiva e fresca. Mi interessa moltissimo quello che hai detto sul germogliatore: ti ha dato problemi di muffa? Te lo chiedo perché sto discutendo con la mia mezza mela se comprarlo o meno, ma se è difficile da pulire, allora è meglio il vasetto di vetro 🙂 Ciao!
    Barbara

    • xcesca ha detto:

      Grazie Barbara!
      Io ho il germogliatore di terracotta.. bellissimo davvero ma è difficilissimo da pulire e mi ha dato problemi di muffa. Con il vaso ho provato solo una volta ma problemi zero, devo ancora provare con semini più piccoli però!
      Se proprio vuoi fare l’acquisto questo mi sembra bello ed economico:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__barattolo-germogliatore-geo-jar.php
      ma è proprio uno sfizio non tanto diverso da un semplice vaso di vetro. Io l’avevo adocchiato e mi sembra una bella idea regalo.
      Fammi sapere per cosa hai scelto!

  8. Cami ha detto:

    Innanzitutto buon rientro alle tue faccende, ho visto su fb le foto del viaggio… E va be’ che te lo dico a fare… Luoghi meravigliosi.
    La tua variante con la quinoa è davvero interessante e anche molto bella da vedere. Devo cominciare a germogliare anch’io ^__^

    • xcesca ha detto:

      Grazie mille Cami!
      Dopo un viaggio così è dura tornare alla realtà ma non ho scelta.. hehe
      Ma se non posso viaggiare per il mondo, almeno tento di viaggiare alla scoperta di nuova sapori 😉

  9. Pingback: Salutiamoci: mangiare bene per stare bene – quinoa | la tana del riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...