Pane pugliese

Uff, in questi giorni non riesco a postare con frequenza, e nemmeno a passare a visitare i miei blog preferiti. Mi dispiace un sacco.. attendo tempi più tranquilli!

L’estate si avvicina e questo significa periodo di grande programmazione in vista delle colonie estive al lavoro.. i lavori a casa nuova implicano di prendere tante decisioni in poco tempo, sottostando però ai tempi dei fornitori, e intanto la scadenza del 30 giugno per le agevolazioni si avvicina.. la mancanza di sole coincide con una mancanza di energia..

Ma era un po’ che non postavo una ricetta “panosa“.. il pane pugliese l’ho fatto tante volte, o almeno così io chiamo quello fatto unicamente con la semola di grano duro.. ho provato tante ricette, tante volte fatte a caso, improvvisate e ad occhio.

Ma questa volta credo proprio di aver trovato la MIA ricetta. Un pane dalla crosta croccante, dall’interno morbido, con tanti piccoli buchini, saporito e perfetto per le bruschette! E per di più è stato approvato a pieni voti dal moroso onnivoro!

Fatto sta che facendo un po’ di prove per essere sicura delle dosi e poi ancora altre per constatare che era proprio buono, ho finito le scorte di semola di grano duro :). Per fortuna c’è in ballo un nuovo ordine con il GAS!

Ecco a voi la ricetta, e prossimamente un paté da spalmare su queste fette dorate!

Pane pugliese

Ingredienti:

140 gr di pasta madre
310 + 40 gr di acqua
500 gr di semola di grano duro
mezzo cucchiaio di sale
olio evo

La sera prima rigenerare la pasta madre in modo da averne 140 gr. A parte impastare la semola di grano duro con i 310 gr di acqua.

La mattina sciogliere la pasta madre con i 40 gr rimanenti di acqua ed aggiungerla all’impasto di grano duro. Lavorare il tutto per 10 minuti, aggiungere il sale ed impastare ancora.

Lasciar riposare 30 minuti dopodiché ungere una ciotola, versarvi l’impasto e, con le mani unte, eseguire per quattro-cinque volte le pieghe a tre a 15 minuti di distanza. Far riposare ancora 15 minuti dopo l’ultima piega.

Rivestire un cestino di vimini con uno strofinaccio pulito e spolverarlo abbondantemente con la semola. Dare all’impasto la forma di un filoncino e disporlo nel cestino con la parte inferiore rivolta verso l’alto. Richiudere lo strofinaccio e riporre il tutto in un sacchetto.

Lasciar lievitare a temperatura ambiente per 2 ore e poi in frigo per circa 4 ore.

Togliere l’impasto dal frigo e lasciarlo a temperatura ambiente per 30 minuti. Nel frattempo scaldare il forno al massimo con una ciotolina d’acqua, quando ha raggiunto la temperatura versare delicatamente il filoncino sulla teglia, fare del leggeri tagli sulla superficie, ed infornarlo abbassando la temperatura a 220°.

Cuocere per circa 25-30 minuti abbassando a metà cottura la temperatura a 200°.
Lasciare nel forno spento 5 minuti e poi far raffreddare su una gratella.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lievitati, pane, ricette base, vegan e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Pane pugliese

  1. Chiara ha detto:

    Sai che un moroso pugliese adoro tutto ciò che mi ricorda la Puglia e questo pane…..wow! Salvo la ricetta e lo provo! Buona serata

  2. cucinoincina ha detto:

    sai che non l’ho mai fatto di sola semola, ma mi ispira un sacco, soprattutto per fare poi delle bruschette: tentero’ visto che ancora pare novembre e posso continuare con il forno, avoglia prima che si fa troppo caldo! 😉

    • xcesca ha detto:

      hehe, io non faccio testo perchè il forno lo accendo anche ad agosto per fare il pane, ad ogni modo quest’anno il tempo invoglia proprio ad accendere il forno!

  3. CescaQB ha detto:

    Ecco una delle ns panificatrici preferite!!! 😀
    Che aspetto perfetto °_°

  4. Sara ha detto:

    dai, ma che meraviglia!!!

  5. Pingback: Patè mediterraneo di cannellini | la tana del riccio

  6. Herbs ha detto:

    che bellezza, è proprio perfetto! mi è piaciuto molto leggere i passi che hai descritto nel procedimento: mi è sembrato di vedere l’amore e la cura che hai messo nella preparazione e un pane così curato e amato non può che essere apprezzato dai morosi, a qualsiasi sponda alimentare essi appartengano! 🙂

  7. Astrid ha detto:

    Ma..ma è bellissimo! Con quei buchini così carini e delicati, immagino che soddisfazione ci devo provare sabato lo faccio! Sei fantastica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...