Ragù di lenticchie

A casa mia non abbiamo mai mangiato tanto spesso il ragù, magari si faceva per il pasticcio nei giorni di festa, ma la classica pasta al ragù davvero era rarissima. Negli ultimi anni poi mia mamma ha sostituito, il più delle volte, le classiche lasagne con quelle al pesto che sono ancora più buone!

Ma complice una confezione di lenticchie di Castelluccio di Norcia che mi è stata regalata, tempo fa avevo provato questa versione di ragù vegetale che è davvero buonissima e che ho trovato perfetta da confrontare alle classiche tagliatelle al ragù nel laboratorio di cucina a basso impatto.

Eh sì, perché un piatto di tagliatelle al ragù richiede un dispendio di 1321 litri d’acqua (un solo uovo 198 litri!), mentre per i gnocchetti sardi alle carote con questo condimento vegetale ma saporito e proteico servono “solo” 526 litri.

Io lo trovo comodo e normalmente ne faccio una buona dose da poi congelare monoporzione e tirar fuori quando ne ho bisogno. Ed è stato così in un pranzo improvvisato con un’amica vegetariana in cui dicevamo che di sapore si avvicina molto all’originale (per quello che mi posso ricordare), ma questo decisamente non mi fa ribrezzo, è più sostenibile e gli animali sono più contenti.

E con questa concludo la serie di ricette proposte nel menù del laboratorio di cucina a basso impatto, ma sicuramente più avanti vi proporrò le ultime cosine preparate per il buffet, oltre a tante altre ricette che ho preparato nel frattempo.

Ecco a voi la ricetta!

Aggiornamento a novembre 2013:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! di novembre, ospitato da IlMondoDiCì.

Ragù di lenticchie

Ingredienti:

150 gr di lenticchie (possibilmente di Castelluccio di Norcia)
una cipolla
una carota
uno spicchio d’aglio
rosmarino e salvia
una tazza di pomodori pelati
2 cucchiai di olio evo
mezzo bicchiere di birra
un cucchiaino di dado granulare autoprodotto (solo verdure e sale integrale)
acqua q.b.

Fare un battuto con cipolla, aglio, carota, rosmarino e salvia e farlo appassire in una pentola di coccio con l’olio. Quando comincia ad ammorbidirsi versare anche le lenticchie e rigirarle per qualche minuto in modo che si insaporiscano bene.

Sfumare con la birra ed aspettare che evapori quasi completamente prima di versare i pelati. Coprire e lasciar cuocere circa un’ora valutando di tanto in tanto se aggiungere poca acqua.

Quando le lenticchie sono cotte ma non sfatte, incorporare il dado granulare e mescolare bene lasciando insaporire ancora 5 minuti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in legumi, ricette base, salse sughi condimenti, senza glutine, vegan e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Ragù di lenticchie

  1. Daria ha detto:

    Che buono anch’io lo faccio! Giusto ieri sera ne l’ho preparato con le lenticchie rosse però che si cuociono in fretta… in effetti surgelarne un po’ potrebbe venire utile!

    • xcesca ha detto:

      mi piacciono un sacco le lenticchie rosse, ma si spappolano, non diventa un po’ un pappone il ragù? Non discuto sul gusto però 😉
      Io quando cucino i legumi, dato che li mangio solo io, ne faccio sempre qualche dose in più!

  2. Lo ha detto:

    anche a me piace tanto fare il ragù di lenticchie e ci faccio proprio la pasta al forno a volte 🙂

  3. Chiara ha detto:

    Interessante l’aggiunta della birra…ho proprio un sacchettino di lenticchie da finire! 😉

  4. MaVi ha detto:

    Io il ragù di lenticchia l’ho avvolto in un composto di pane condito e una foglia di cavolo rosso e ci ho fatto il sugo di inVoltini della nonna, un piatto che amavo tanto da onnivora! E’ una delle mie ultime ricette pubblicate. Direi che la lenticchia rimpiazza benissimo nel sugo i contenuti crudeli!
    😉

  5. Peanut ha detto:

    Ce l’ho anch’io la ricetta sul blog! Devo dire che mi piace molto di più di quello di soia, anche se quello lo voglio riprovare anche l’aggiunta dei seitan..
    Quasi quasi scongelo il barattolo che ho nel freezer! 😀

  6. Katy ha detto:

    Anche io adoro il ragù di lenticchie, mi piace tanto anche col granulare di soia e perciò li alterno 🙂
    Queste tagliatelle le mangerei anche ora 🙂

  7. Ciao

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito http://www.ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 140000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti, tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!

    Ricercadiricette.it

  8. CescaQB ha detto:

    Ecchime!
    Parola parolina lo proverò certamente (perchè adoro le lenticchie) sebbene non sia tra le mie abitudini abbinare i legumi alla pasta. Ma esistono casi di forza maggiore in cui lo strappo alla regola ci sta, eccome, se no che senso avrebbe avere delle regole?! 😉
    Oh ma quanto son buone le lenticchie? Io le metterei al secondo posto nella mia top ten di legumi preferiti, subito dopo i ceci ❤
    p.s.: ebbene sì sto vivendo un "pediodo da classifiche" 😉

    • xcesca ha detto:

      Nemmeno io uso tantissimo l’abbinamento pasta-legumi, ma è un ottimo modo per fare un pasto completo e per sfamarsi in fretta nelle pause pranzo di corsa 🙂
      Mi sa che anch’io metterei per primi i ceci, se non altro per la loro versatilità!

  9. Nichi62 ha detto:

    Buonissimo questo ragù di lenticchie! Ci ho condito la pasta stasera a cena per la mia family e ho fatto un figurone! A dir la verità era buonissimo anche mangiato così ” in purezza” con una fettina di pane integrale. Una domanda: perché la scelta, per quanto azzeccatissima, della birra? Grazie e ciao!

    • xcesca ha detto:

      Ciao Nichi, sono proprio contenta che vi sia piaciuto e ti ringrazio moltissimo per essere passata a raccontarmelo!
      La scelta della birra deriva prima di tutto dal fatto che da noi non manca mai dato che il moroso è autoproduttore, ma a me piace molto il retrogusto leggermente amarognolo che lascia 🙂

  10. Pingback: Due chiacchiere sul laboratorio di cucina a basso impatto | la tana del riccio

  11. Pingback: Salutiamoci: mangiare bene per stare bene – lenticchie | la tana del riccio

  12. ilmondodici ha detto:

    Ciao Cesca, sto spulciando tutte le ricette che mi hai segnalato.
    conoscendo il tuo blog sono sicura che il “dado granulare” avrà ingredienti perfettamente coerenti con le regole del gioco di salutiamoci, ma lo potresti specificare? Ciao e grazie!

    • ilmondodici ha detto:

      Ho cercato se lo avessi pubblicato da qualche parte e ho trovato che hai scritto nella tua prima ricetta per Salutiamoci ” il sale è integrale e il dado vegetale è autoprodotto con verdure e sale sempre integrale.” Se lo aggiungi anche qui mi fai una cortesia e chi arriva per la prima volta lo sa 🙂 GRAZIE! 🙂

  13. Paola ha detto:

    Bellissima idea quella di fare il ragù con le lenticchie! La copio al più presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...