Vegetable rotti per Salutiamoci!

Già, oggi è Pasqua, una Pasqua strana. Non brutta, ma strana.

Sono 4 anni che viviamo insieme e non abbiamo mai fatto una Pasqua a casa. Fuori c’è un tempo molto irlandese, con quella nebbiolina a cui non siamo abituati, ma per fortuna questa mattina la pioggia ci ha dato un po’ di tregua e siamo riusciti a fare un po’ di giardinaggio ed a provare a vedere come sta in casa nuova una piastrella con la luce del giorno.

Lasciando perdere le piastrelle che ci stanno facendo impazzire e il fatto che speravamo di andare via qualche giorno ma visto il tempo proprio non ne valeva la pena, ne stiamo approfittando per fare un po’ di lavori in casa.

In montagna c’è la neve che sembra sia Natale, per fortuna ci sono le colombe (che poi io le faccio quasi con lo stesso impasto del panettone ma almeno hanno una forma diversa!) a ricordarci in che stagione siamo.

Ma visto che sono giornate che non centrano niente con la primavera, pubblico una ricetta che non ha niente a che fare con gli ultimi piattini molto a tema, uno spuntino mangiato più e più volte durante il nostro viaggio in Sri Lanka.

Non potevo aspettare che almeno passasse la Pasqua, perché oggi è anche l’ultimo giorno di marzo, il mese dei ceci per Salutiamoci! e così ne approfitto e porto questa ricetta a Katia di pappa&cicci.

A dir la verità la ricetta originale non prevedeva i ceci, ma io ho preferito renderla un po’ più completa dal punto di vista nutrizionale, e ne ha guadagnato anche il gusto.

Era un sacco che non li preparavo, e a dir la verità non erano nemmeno previsti. Ma eravamo senza pane e così prima di cena avevo impastato semplicemente acqua e farina nel caso avessimo voluto prepararci delle piadine al volo. Poi però avevamo mangiato abbastanza e così ho messo a riposare fino al giorno successivo le 4 palline di impasto ben unte di olio.

Vabbè, dopo questo post strampalato vi auguro una buona strana Pasqua, che possiate passarla bene, anche se magari in modo non convenzionale.

Aggiornamento a dicembre 2013:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! di dicembre ospitato da.. me 🙂

Vegetable rotti

Ingredienti per 4 rotti:

200 gr di farina tipo 2
1 pizzico sale
110 gr di acqua tiepida
abbondante olio evo

per il ripieno:

1 porro
1 carota
1 pezzetto di cavolo capuccio
1 cipolla
1 cucchiaio curcuma
1 cucchiaino di curry
1 cucchiaio di olio evo
un pizzico sale
un bicchiere di ceci cotti

Impastare per bene la farina con sale ed acqua. Dividere in 4 palline e metterle ben unte in un contenitore chiuso ermeticamente. Lasciar riposare almeno 4 ore.

Scaldare nel wok l’olio e soffriggere lentamente la cipolla, aggiungere poi tutte le altre verdure tagliate a listarelle, il sale, la curcuma ed il curry. Rigirare bene e lasciar cuocere al dente a fuoco moderato. Aggiungere i ceci precedentemente schiacciati leggermente con una forchetta e far insaporire ancora qualche minuto. Lasciar raffreddare.

Ungere un vassoio o un piano di acciaio o marmo e stendere molto sottilmente con le mani unte una pallina alla volta in modo da ottenere un rettangolo circa 30×40 cm. Mettere al centro della base un po’ di ripieno e ripiegare ogni lato lungo verso il centro in modo da ottenere un rettangolo 15×40 cm. Avvolgere la pasta a triangolo su tutto il ripieno.

Scaldare una padella antiaderente leggermente unta e cuocere i rotti su tutti i lati finché non prenderanno un bel colore dorato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in contest, dal mondo, finger food, legumi, progetti, salutiamoci!, vegan e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Vegetable rotti per Salutiamoci!

  1. katia ha detto:

    questa specie di piada con un ripieno così gustoso mi ispira assai!
    se ti può consolare anche qui in pianura padana sembra natale! consoliamoci con tutte le ricette arrivate con i ceci!!

  2. Zucchero d'uva ha detto:

    Prima di piegare i lati verso il centro metti il ripieno? O quando pieghi poi per fare il triangolo?

    • xcesca ha detto:

      Ciao! Ho fatto in entrambi i modi e forse il migliore, se non si ha molta pratica, è quello di ripiegare i lati verso il centro dopo aver messo il ripieno. Ho corretto la ricetta in modo che sia più chiaro 🙂

  3. notedicucina ha detto:

    A chi lo dici… Anche da noi freddo e pioggia non danno tregua! Per fortuna hai trovato il modo di consolarti con delle “coccole” culinarie! Vegetable e colomba sono strepitosi!

  4. Pingback: Salutiamoci: mangiare bene per stare bene – mandorle | la tana del riccio

  5. CescaQB ha detto:

    Davvero ispirosa questa ricetta e dai mille sapori, come non restanrne affascinati? Come va con le piastrelle? 😀

  6. Cami ha detto:

    Buonissimi e ottimo il ripieno di ceci e verdure 🙂
    Beati voi che potete e che viaggiate tanto ^_^ si imparano e scoprono tante e tante cose ❤ oltre ovviamente ad assaggiare piatti buoni come questo!

    La mia Pasqua e’ andata, molto tranquilla con i miei genitori e mia nonna, intima e serena 🙂

  7. Pingback: Cavoli! Vi aspetto questo mese per Salutiamoci! | la tana del riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...