Colomba cocco-ciocco

Accidenti che attivo questo blog in questi giorni 🙂

Ormai siamo agli sgoccioli, è quasi Pasqua e finora non avevo fatto nemmeno una colomba. Ieri mattina però, mi è venuta voglia di prepararla, ma ovviamente non avendo pianificato la cosa mi sono un po’ arrangiata con quello che avevo in casa e con i tempi che avevo a disposizione.

E nonostante mi sia trovata senza tante mandorle, senza farina di Manitoba, a ficcare l’impasto in frigo per un paio di volte perché dovevo uscire e non volevo far passare la lievitazione all’impasto.. devo dire che il risultato mi ha soddisfatta in pieno!

E pure il moroso sembra gradire dato che è già finita la prima colomba :).. a prova di onnivoro quindi!

Mi perdonerete il fatto che abbia messo le gocce di cioccolato anche in questa.. io ci avrei visto bene anche i cranberries, ma dato che il destinatario principale era il moroso (che stava rimanendo senza niente da colazione), sono andata incontro ai suoi gusti.

Ad ogni modo è venuta morbidissima e profumata!

Insomma, siete ancora in tempo per una colomba, correte a rigenerare la vostra pasta madre! 🙂

Porto questa colomba sulle tavole di due blogger. La prima è Carotina Abbrustolita, con il suo contest “buono come il pane con… la pasta madre”.

E la seconda ovviamente è Ale di  Golosità Vegane! Dopo un dolcetto leggero non poteva mancare una bella colomba golosa, no? 🙂

Accidenti, mi stavo dimenticando due parole sulla mia pasta madre: da quando sono andata a vivere col moroso, quasi da subito, ho cominciato a fare il pane in casa.. prima con il classico mezzo cubetti di lievito di birra per mezzo kg di farina, poi con un poolish sempre di lievito di birra..
Poi un giorno una mia collega mi ha spacciato un po’ della sua pasta madre che aveva appena avuto anche lei, quindi non sapeva darmi molte dritte.
Insomma la nostra è stata una conoscenza reciproca lenta, fatta di tentativi non sempre andati a buon fine.
Non mi ritengo una purista, di quelle che pesano al grammo, o che controllano con precisione la temperatura del forno ecc.. Con la vita frenetica che mi ritrovo spesso faccio il primo impasto non sapendo quando potrò riprenderlo in mano.
Questa è la dimostrazione che chiunque può cimentarsi nella preparazione del pane con la pasta madre.
Nel tempo sono diventata spacciatrice, ed una delle persone a cui l’ho spacciata più spesso è proprio stata la mia collega che me l’ha donata la prima volta 🙂
Chi segue il blog sa che amo viaggiare e che talvolta tali viaggi durano anche un mesetto.. come faccio nel frattempo? Affido la mia adorata pasta madre a qualcuno! Il più delle volte è mio papà, ma quest’estate ad esempio l’avevo data ad una mia amica che per l’occasione si è trasformata in una PM-sitter! Lo trovo un modo carino per far conoscere la pasta madre anche ad altri. E poi ci sono sempre le persone a cui la ho spacciata, potrei sempre chiedere a loro, no? 🙂

Proprio perché non sono una perfezionista, più che consigli mi sento di indicarvi delle ricette iper-collaudate. Qui sotto un breve elenco, se poi volete guardarvele tutte basta cliccare QUI!

Direi che per oggi può bastare 🙂 Ricordatevi solo di non aver paura a sperimentare, la pasta madre è facilmente recuperabile, hehe..

Nel caso non ci sentissimo auguro a tutti quelli che passeranno di qui una buona Pasqua, possibilmente anche per gli agnellini.. lasciateli alle loro mamme!

Colomba cocco-ciocco

Ingredienti per due colombe medie:

150 gr di pasta madre molto attiva
300 gr di succo di mela
370 gr di farina 0
130 gr di farina integrale
40 gr di farina di cocco
1 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 cucchiaino di sale
150 gr di malto di riso
50 gr di olio evo
50 gr di olio di mais
50 gr di gocce di cioccolato fondente

per la glassa:

3 cucchiai di farina di cocco
2 cucchiai di zucchero integale di canna
1 cucchiaio colmo di farina integrale
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di malto di riso
3 cucchiai di latte d’avena

per decorare:

mandorle
zucchero a velo
granella di zucchero

Sciogliere la pasta madre nel succo di mela tiepido, aggiungere anche le farine ed impastare a lungo finché l’impasto non è ben legato. Coprire e lasciar riposare fino al raddoppio.

Riprendere l’impasto ed aggiungerci farina di cocco, vaniglia, sale ed il malto. Lavorare l’impasto con l’aiuto della macchina del pane o dell’impastatrice. Quando gli ingredienti aggiunti sono incorporati, versare a filo gli oli sempre continuando a impastare.

Impastare per circa mezz’ora dopodiché incorporare le gocce di cioccolato congelate facendo attenzione a non scioglierle. Lasciar riposare l’impasto 10 minuti in una ciotola unta d’olio. Fare le pieghe a tre, lasicar riposare altri 10 minuti e rieseguire nuovamente le pieghe.

Coprire la ciotola e lasciar riposare a temperatura ambiente 20 minuti dopodiché mettere l’impasto in frigo per circa 4 ore.

Prelevare l’impasto dal frigo e lasciarlo a temperatura ambiente per 20 minuti. Versarlo sul piano leggermente infarinato e tagliarlo in 4 parti con l’aiuto di una spatola. Adagiare due parti per stampo a croce facendo attenzione a non sgonfiare l’impasto.

Mettere le colombe nel forno spento con una ciotola di acqua bollente fino a che non saranno belle gonfie.

Per la glassa mescolare tra loro il cocco, la farina, lo zucchero integrale ed il sale dopodiché versare anche il malto ed il latte. Spennellare le colombe con questo composto e decorarle con mandorle e granella di zucchero.

Spolverare con poco zucchero a velo e cuocere in forno preriscaldato a 190° coprendo eventualmente le colombe se la glassa tendesse ad annerirsi.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in autoproduzione, dolci, dolci lievitati, idee regalo, vegan e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

37 risposte a Colomba cocco-ciocco

  1. CescaQB ha detto:

    E’ belliZZima °_° amore a prima vista…il particolare del cocco mi intriga moltissssssimo, anche per averl usato sulla superficie 🙂

  2. Ania ha detto:

    Stupenda!!! Davvero davvero stupenda ♥

  3. perlinazzurra ha detto:

    Franci che spettacolo!! Con cosa si possono coprire le colombe in forno perchè non anneriscano? Carta forno? alluminio? E quanto tempo devono cuocere più o meno?

    • xcesca ha detto:

      Meglio coprirle con l’alluminio che non svolazza in giro a differenza della carta forno 🙂
      Il tempo varia a seconda della dimensione, circa mezz’ora. Io purtroppo vado sempre ad occhio.. magari fai la prova stecchino!

  4. cucinoincina ha detto:

    io quest’anno ho optato per un altro animaletto, ma la tua colomba cioccolatosa, che ancora mi manca da provare, e’ perfetta!!!

  5. Daria ha detto:

    Ma dai, siamo in connessione! Io ne ho appena sfornata una, la mai unica per quest’anno… però devo ancora tagliarla… è ancora caldina… magari in extremis domani o a Pasquetta la pubblico lo stesso… sono veramente soddisfatta anch’io! La tua così coccolosa mi ispira proprio! Ed è proprio vero: chi l’ha detto che servono farine super-raffinate: si può fare anche senza! Buona Pasqua!

    • xcesca ha detto:

      Se penso che inizialmente usavo metà Manitoba anche per fare il classico pane.. ora non la uso più e non mi manca!
      In questo caso volevo fare una colomba abbastanza “normale” ed ho usato “solo” un 26% di farina integrale.. morbidissima e saporita!
      Aspetto anche la tua ricetta.. magari la proverò dandole un’altra forma se sarà passata Pasqua 😉
      Buona Pasqua anche a te ed a tutta la tua famiglia!

  6. CLAUDIA CAROTINA ha detto:

    buonaaa, ti dirò che la colomba classica non la amo particolarmente, ma per questo aroma di cocco, le gocce di cioccolato, la madre e il fatto che è vegan…la adoro!!!! inserisco!

    • xcesca ha detto:

      Hehe, secondo la legge italiana nemmeno potrei chiamarla colomba dato che non contiene uova, burro, zucchero.. ma ti assicuro che io la preferisco molto di più all’originale che trovo nauseante 🙂

  7. feelfreeglutenfree ha detto:

    Domani ci provo pure io! Speriamo che la creatura sia abbastanza attiva…Bellissima la tua colomba.
    Io mi dovrò accontentare di un cuore: gli stampi della colomba erano finiti, sigh!! Buona Pasqua!!!!

  8. Ale ha detto:

    La colomba con la cioccolata è come il gelato con la panna (di soia): una guduria pazzesca!!! Grazie per la ricetta Cesca, la raccolta è sempre più ricca! ^_^

  9. Sara ha detto:

    complimenti per la tua bellissima colomba, che capolavoro, e chissà che sapore!!!!!! Tanti auguri di Buona Pasqua cara Cesca!

  10. Chiara ha detto:

    è il secondo anno di fila che vedo la colomba da te e mi dico “adesso la faccio anch’io” ma poi per un motivo o per l’altro non ce la faccio mai…chissà, magari la faccio il prossimo weekend anche se la pasqua è già passata… ha un aspetto magnifico!!! Tanti auguri a te e Andrea!

    • xcesca ha detto:

      Grazie Chiara, tanti auguri anche a voi!
      Puoi sempre scegliere di cambiare la forma e fare un ottimo pane dolce senza chiamarlo colomba!
      In fondo è più o meno lo stesso impasto che uso a Natale per il panettone 😉

  11. Zucchero d'uva ha detto:

    La pasta madre da sempre soddisfazione, e’ come un membro di famiglia! Fantastica la tua colomba, e meno male che e’ arrangiata!

  12. elisabettapendola ha detto:

    buona pasqua vegQ!!!

  13. Pingback: Torta di rose sfogliata ai frutti di bosco | la tana del riccio

  14. non so se te l’ha già consigliato qualcuno… ma hai mai pensato di passare alla pasta madre liquida?? io uso quella, perchè siccome sono molto meno brava di te non panifico tutte le settimane, ma solo ogni tanto! la mia signorina riposa in frigo senza richiedere troppe cure… puoi lasciarla tranquillamente in frigo anche per settimane dimenticandotene, giuro! se vuoi c’è qualche informazione anche da me!

    • xcesca ha detto:

      Sinceramente faccio il pane circa 2 volte in settimana e ormai mi sono abituata con la mia creaturina solida. Ma avevo notato anch’io, in un periodo in cui avevo anche un lievito madre liquido di segale, che la sua resistenza in frigo era molto maggiore.
      Potrei tenerne conto per quando vado in ferie un paio di settimane e non trovo nessuna PMsitter 🙂
      In caso passerò a chiederti consiglio 😉

  15. silviaferraro ha detto:

    Certo che è proprio meraviglioso il tuo Blog….. ci starei ore!!! prima o poi proverò a fare una tua ricetta…..

  16. Pingback: Tartufini di panettone | la tana del riccio

  17. Verdy ha detto:

    Ciao!!! ho fatto la colomba proprio sabato 😉 per prova è venuta un incanto!!! grazie infinite… Io purtroppo ho dovuto fare a occhio perchè non avevo il malto e ho usato lo zucchero di canna granulare e integrale… e sono pienamente soddisfatta del risultato! grazie infinite 🙂

    • xcesca ha detto:

      Wow! Complimenti!
      Sono proprio contenta che sia piaciuta.. anch’io spero di trovare il tempo per ripeterla, la ricordo davvero ottima!
      Grazie di cuore per essere venuta a raccontarmi i tuoi esperimenti!

  18. Eli ha detto:

    Ciao!! Ho appena “scoperto” il tuo blog.. è bellissimo, complimenti!!! E’ bello vedere come si riescano a fare cose così meravigliose scegliendo di non utilizzare determinati ingredienti.. Beh, buon lavoro e a presto!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...