Girelle sfogliate al cacao

Ultimamente sto sperimentando ricette nuove con la pasta madre, soprattutto per quanto riguarda i lievitati “dolci”.. lo metto tra virgolette perché sono come sempre dei dolci “senza”, ma non per questo meno buoni.

Queste girelle in particolare le ha apprezzate tantissimo anche il moroso, quindi se siete scettici nei confronti delle mie papille gustative, potete comunque fidarvi di lui!

Avevo già provato tempo fa a fare queste girelle con la pasta madre ed in versione “senza”, dopo aver visto queste di Dulcis in Furno (solo a vederle me ne ero innamorata!). La prima volta non avevo ottenuto un gran risultato, ma di queste invece sono molto soddisfatta, sono venute morbidissime!

Per ovviare alla mancanza di albume nella pasta al cacao, ho usato la farina di semi di carruba che sto iniziando a conoscere poco a poco con qualche esperimento. Allora mi sono trasformata in una piccola stregona ed ho creato una combinazione che ha già funzionato dal primo tentativo: una pasta simile al didò  comodissima da sfogliare. La prossima volta magari proverò facendo una sfogliatura ai frutti di bosco 🙂

Se avete dei dubbi su come effettuare la sfogliatura, vi rimando qui al procedimento fotografico di Tania che è molto chiaro.

E già che oggi è lunedì, finalmente trovo il tempo per partecipare alla bellissima iniziativa della Cucina della Capra, il 100% Vegetal Monday. In pratica si tratta di una rielaborazione del già utilissimo Meat Free Mondays, che invita ad evitare, almeno per un giorno in settimana, tutti i prodotti di origine animale.

Se tutti lo facessimo, daremmo una buona mano al nostro pianeta che sta sentendo il peso delle nostre azioni.

Un’ultima nota importante: chiunque può partecipare a questo progetto, perché è ovvio che i vegani mangiano 100% vegetale il lunedì, ma tutti possiamo decidere di rinunciare ai prodotti animali un solo giorno in settimana.

Girelle sfogliate al cacao

Ingredienti per 12 girelle:

130 gr di pasta madre
75 gr di farina integrale
275 gr di farina semintegrale di farro
190 gr di latte di soia
100 gr di malto di mais
20 gr di olio evo leggero
un cucchiaino di sale
un cucchiaino di vaniglia in polvere

per la pasta al cacao:

20 gr di cacao in polvere
20 gr di farina semintegrale
un pizzico di sale
un cucchiaino di farina di semi di carrube
40 gr di acqua
60 gr di malto di mais
un cucchiaino di olio evo leggero

per rifinire:

un cucchiaio di malto di mais
un cucchiaio di acqua

Sciogliere la pasta madre nel latte tiepido e nel malto. Versare poi le farine e la vaniglia ed iniziare ad incorporare con l’aiuto di un cucchiaio. Infine aggiungere anche olio e sale ed impastare per 10 minuti. Fare le pieghe e mettere a lievitare coperto in un luogo tiepido fino al raddoppio.

Nel frattempo preparare la pasta al cacao: in un pentolino mescolare tra loro farina, cacao, farina di semi di carruba e sale. In un bicchiere a parte miscelare acqua, olio e malto. Versare i liquidi nella polvere al cacao e sciogliere tutti i grumi. Mettere sulla fiamma bassa e continuare a mescolare fino ad ottenere una palla. Lasciar raffreddare 5 minuti, dopodiché stendere, con l’aiuto di un mattarello, la pasta in un foglio di carta forno piegato a metà. Dovrà risultare un rettangolo di circa 15×20 cm di uno spessore di un paio di millimetri.
Conservare in frigo fino al momento dell’utilizzo.

Infarinare leggermente il piano da lavoro e stendere delicatamente l’impasto fino ad ottenere un rettangolo di circa 45×20 cm. Al centro dell’impasto disporre la pasta al cacao in modo che occupi un terzo della sua superficie. Ripiegare l’impasto sulla pasta al cacao facendo le pieghe a 3 e stenderlo con l’aiuto del mattarello. A questo punto effettuare le pieghe a 4 nel senso perpendicolare rispetto alle pieghe appena fatte.

Stendere nuovamente l’impasto in modo da ottenere un rettangolo dello spessore di mezzo centimetro circa e spennellarlo con una soluzione di malto ed acqua in pari quantità. Ritagliare 12 strisce che andranno arrotolate singolarmente a formare le girelle.

Disporre ogni girella sulla teglia ricoperta di carta forno e lasciar lievitare in un luogo tiepido ed umido fino al raddoppio.

Preriscaldare il forno a 180° con una ciotola di acqua che assicuri una certa umidità. Spennellare le girelle con la soluzione di malto ed acqua avanzata e cuocere fino a leggera doratura.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 100% vegetal monday, dolci, dolci lievitati, lievitati, progetti, vegan e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Girelle sfogliate al cacao

  1. CescaQB ha detto:

    Gira la voce che la prima persona che commenta questo post riceverà in omaggio il soggetto della foto 😀 Fiduciosa attendo il postino :PP

  2. Cami ha detto:

    No ma cosa sono queste girelle *_* golose e sane (mi fido sia delle tue papille gustative che di quelle del moroso 😉 , non c’e nemmeno bisogno di dirlo che sono buone… La foto parla da sola…)
    Fantastiche, io le srotolerei poco per volta per gustarmele piano piano…
    Fossero così le merende dei bambini (e non solo!)
    Sempre bravissima Cesca ^^

  3. Zucchero d'uva ha detto:

    Sono molto belle anche da vedere! Bella la tua idea con la farina di carrube!

  4. Daria ha detto:

    Fantastiche! le proverò al più presto… mi manca solo la farina di semi di carrube… pensavo: secondo te si potrebbe sostituire con l’agar agar? Io ci vedrei bene anche una torta di rose fatta con questi bei rotolini tutti appiccicati: se provo ti avviso… 🙂 Buona serata!

    • xcesca ha detto:

      Grazie Daria, secondo me l’agar agar dona una consistenza più gelatinosa e meno pastosa al composto, ma questo dovrebbe essere mitigato comunque dalla presenza di farina. Se provi fammi sapere 😉
      Mi piace un sacco l’idea della torta di rose.. mi sa che la prossima volta la faccio così, grazie del suggerimento!

      • orne ha detto:

        invece qui dai noi se ne trova tantissima e pure economica!!(ECO, eh!) allora io pensavo di sostituire pure il cacao con la farina d carrube…appena provo ve lo dico.
        baciii

  5. Pingback: 100% vegetal monday | La Cucina della Capra

  6. londarmonica ha detto:

    Geniali! Da provare assolutamente.

  7. Chiara ha detto:

    Belle da vedere e sicuramente buone!! Adoro i lievitati con pasta madre!

  8. feelfreeglutenfree ha detto:

    Prima di iniziare la mia “quaresima” senza prodotti da forno mi sa che proverò un dolce lievitato con la mia giovane – ma pimpante – pasta madre. Grazie per l’ispirazione!!!

  9. Pingback: Cake saraceno con noci, lino e melograno | la tana del riccio

  10. Pingback: Torta di rose sfogliata ai frutti di bosco | la tana del riccio

  11. mara ha detto:

    ciao 🙂 io ho provato qst girelle devo dire che sono molto contenta del risultato estetico, sono soffici soffici! la pecca per i miei gusti e quelli dei miei bambini è che sono decisamente poco dolci 😦 secondo te se per la pasta al cacao sostituisco il malto con lo zucchero? perchè è il cacao amaro che ci infastidisce 🙂 cmq io ho usato l’agar agar e il panetto è venuto bene

    • xcesca ha detto:

      Ciao Mara!
      Hai ragione, non sono molto dolci, ma se siete abituati ad usare lo zucchero sostituiscilo pure al malto, oppure usa il cacao già zuccherato. Potrebbe essere però necessario aggiungere un goccio d’acqua.
      Grazie, ora so che funziona anche con l’agar-agar 🙂
      Grazie per avermi riportato le tue osservazioni, e buona settimana!

  12. eleonora ha detto:

    ciao, volevo provare a farle e poi volevo chiederti se posso postare il risultato sul gruppo Genitori Veg di cui faccio parte mettendo il link alla tua ricetta, sono sempre alla ricerca di ricette meravigliose e golose come queste 🙂
    mentre aspetto la tua risposta mi procuro il necessario e le faccio 😉
    ele

    • xcesca ha detto:

      Ciao Eleonora!
      Certo che puoi postare il risultato nel gruppo GenitoriVeg! Anch’io ne faccio parte (non sono mamma ma come educatrice mi interessa moltissimo questo argomento) e mi farà molto piacere vedere il risultato!
      Solo una nota: se sei abituata a gusti abbastanza dolci ti consiglio di aumentare la dose di dolcificante perché per alcuni potrebbe essere poco dolce.
      Buoni esperimenti, torna a raccontarmi come è andata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...