Testaroli di castagne con pesto ai capperi per Salutiamoci!

Che bello! Oggi sono arrivate le castagne prese con il GAS! Non vedo l’ora di farmene una scorpacciata, ma nel frattempo pubblico una ricetta provata ieri con la farina di castagne.

Premetto che non sono un’esperta di testaroli.. non me ne vogliano i tradizionalisti. La prima volta che ne ho sentito parlare me li aveva nominati la mia amica di Imperia. Poi a settembre li avevo proposti in un laboratorio con i bambini in versione tradizionale e con il pesto e mi erano piaciuti molto. In pratica si tratta di una pasta fresca velocissima da fare e che fa la sua figura.
Magari prima o poi pubblicherò anche la versione base, ma nel frattempo vi propongo quella pensata per Salutiamoci!

Vi ricordo che questo mese è ospitato da Azabel nel suo Kitchen Bloody Kitchen.

La farina di castagne secondo me è proprio dolce di suo.. nel castagnaccio proprio non ci aggiungerei nemmeno un pizzico di dolcificante nemmeno naturalissimo perchè già così mi sembra sufficiente, e allora ho voluto smorzarne un po’ la dolcezza con un pesto bello saporito che mi è piaciuto molto.

Vi lascio con questa riflessione molto interessante di Stella a proposito della Giornata mondiale dell’alimentazione, che era ieri.

Testaroli di castagne al pesto di capperi

Ingredienti per due porzioni:

25 gr di farina di castagne
25 gr di farina del faraone
85 gr di acqua
un pizzico di sale

per il pesto:

2 cucchiai di capperi
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiaini di patè di pomodori secchi
2 cucchiai di prezzemolo
1 cucchiaio di olio evo
2 fili di erba cipollina
un pizzico di aglio in polvere

per completare:

pepe nero
pinoli

Mescolare tra loro le due farine con una presa di sale. Versare a filo l’acqua continuando a mescolare in modo da non formare grumi. Lasciar riposare per il tempo di preparazione del pesto.

Per il pesto frullare tra loro tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto uniforme.

Scaldare una padella antiaderente ungendola molto leggermente. Versare metà della pastella e girarla solo una volta che si staccherà dal fondo cuocendola anche sull’altro lato. Ripetere l’operazione in modo da ottenere due crespelle abbastanza grosse.

Portare a bollore abbondante acqua salata, spegnere e tuffarvi i testaroli tagliati a rombi. Lasciar rinvenire per un minuto dopodichè scolarli e condirli con il pesto aggiustando la densità con qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Spolverare generosamente di pepe nero e pinoli prima di servire.

Questa voce è stata pubblicata in contest, pasta fresca, primi, progetti, ricette base, salse sughi condimenti, salutiamoci!, vegan e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a Testaroli di castagne con pesto ai capperi per Salutiamoci!

  1. Arianna ha detto:

    Non conoscevo questo tipo di pasta!!! Sono molto invitanti!!!!

  2. Sissa ha detto:

    Ciao cara!!!! Come stai? Sono latitante ma non ti perdo di vista, sai!? Ho comperato anche io una pacco di farina di castagne e l’ho adoperato come non mai! Tra poco assaggio un dolcino appena sfornato ed un rooibos è in infusione………… La pasta è il prossimo esperimento, mi manca il tempo tra un’auto produzione e l’altra, ma ….c’e la posso fare!
    Complimenti per la ricetta, buona serata ed a presto!
    Sissa

    • xcesca ha detto:

      Ciao! Io sto bene grazie, anche se sempre di corsa, sigh! Ma a quanto pare non sono l’unica..
      Allora tra poco troverò anche le tue ricette con la farina di castagne??🙂
      Grazie di essere passata, a presto!

  3. Daria ha detto:

    Bella idea questa pasta! Non la conoscevo nemmeno io! La proverò sicuramente!

    • xcesca ha detto:

      grazie Daria!
      é davvero una “pasta” originale e comoda, ottima anche con altre farine e piace ai bambini (già testato su una quindicina di esemplari😉 ).

  4. relaxingcooking ha detto:

    mi piace, mangiar bene per stare bene🙂 La provero’, non so quando, mi manca il tempo negli ultimi tempi, ma lo faro’!

  5. Monica ha detto:

    Ho assaggiato una sola volta questa pasta con un sugo al pesto (vegano!) ed era squisita!!! Adesso ho la ricetta per poterla riassaggiare!!! Grazie mille🙂

  6. stelladisale ha detto:

    grazie per il link🙂 bellissima ricetta come sempre

  7. donatella ha detto:

    Ihihihihihi, pensavo che i testaroli fosseo dei funghi!!! Che scema!
    Brava, accidenti, grande ricetta!!!

  8. Lo ha detto:

    questa pasta è magnifica….devo provare…ma aspetto anche la ricetta base🙂

  9. unavnelpiatto ha detto:

    Fantastici questi testatoroli che nemmeno io conoscevo🙂 Fantastico l’abbinamento castagne e pesto , due sapori contestanti ma tanto interessanti insieme! ^^
    Ho una domanda, cos’e la farina del faraone?!

    • xcesca ha detto:

      grazie! La farina del faraone è farina di Kamut ma non a marchio registrato, e soprattutto coltivata in italia (nel mio caso presa bio tramite il GAS). Si trova sotto diversi nomi ma stringi stringi si tratta di grano Khorasan. Non mi stanno tanto simpatici i marchi registrati e soprattutto prediligo le coltivazioni italiane🙂
      In questo caso potresti sostituirla con qualsiasi altra farina a tuo piacimento (grano duro, semintegrale, di farro..).

      • unavnelpiatto ha detto:

        Grazie Cesca, anch’io non sono per i marchi registrati e per la farina di Kamut! Prediligo il grano vero che le sottospecie di grano😉 quindi ti ringrazio per la delucidazione ^^

  10. Azabel ha detto:

    Bellissima ricetta, dei testaroli ho sentito parlare spesso ma non li ho mai provati… e questa tua versione mi piace moltissimo!

  11. cucinoincina ha detto:

    ecco i famosi testaroli! hai svelato anche a me l’arcano e poi, tutto sommato, sono facilissimi e con questo pesto speedy pure rapidi, brava!! Thanks!!😉

  12. Felicia ha detto:

    Ma che bello è salutiamoci, ci da la possibilità di vedere bellissime ricette con lo stesso ingrediente ma ognuna diversa, originale, unica…………. proprio come i tuoi testaroli!!!! fantastici, da provare… appena riesco a finire la mia la pubblico🙂 questo mese non manco!!!!

  13. Ale ha detto:

    Sono ripetitiva …😀
    Non conoscevo neanch’io questo tipo di pasta e neanche la farina del faraone, ho letto nei commenti ed ho trovato.
    Il pesto di capperi, che ideona!!! ^_^

  14. xcesca ha detto:

    grazie a tutte!! Buona domenica!

  15. Sara ha detto:

    oggi ho imparato cosa sono i Testaroli, e mi sembrano pure molto buoni!! bella ricetta Cesca, davvero invitante, con quel sughetto saporito che dev’essere azzeccatissimo con il sapore dolce della castagna; bravissima!! un bacione

  16. notedicucina ha detto:

    Amore a prima vista per questo splendido piatto! Siamo o non siamo genovesi :-)?

  17. xcesca ha detto:

    grazie mille davvero!🙂

  18. Pingback: Testaroli al pesto e fagiolini | la tana del riccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...