Pesto trentino

Un post al volo per non lasciare incompiuto il precedente. Al volo proprio come sono in questi giorni.. dovrebbe essere una settimana tranquilla ma in realtà ci sono mille cose in ballo in vista dell’inizio delle attività estive della prossima settimana, oltre che altre cose.

Finalmente abbiamo deciso la meta per le nostre ferie e tra due settimane scarse saremo a.. Istanbul!! Che bello, non vedo l’ora!
A dir la verità al momento abbiamo riservato solo il volo di andata.. quasi quasi ci dimentichiamo di prenotare il ritorno😉

Ma veniamo alla ricetta. Trovo che i pesti, in tutte le loro infinite varianti, siano dei condimenti molto versatili, adatti a mille usi: dalle tartine se mescolati a creme, alle lasagne, alla pasta, le verdure, i cereali e, perchè no, pure ai legumi. Insomma, aggiungono quel qualcosa in più!

Qualche anno fa sentii parlare per la prima volta di pesto trentino da mia cognata.. piemontese! Si tratta di un condimento molto rustico, da usare a piccole dosi, ma adattissimo alla pasta fresca, in particolare gnocchi, strangolapreti e ravioli.

Si fa in un attimo ma in genere lo preparo quando mi ritrovo un cespuglio enorme di salvia e in vista dell’inverno quando non ho questa buonissima erba fresca a disposizione. Basta congelarlo nei cubetti del ghiaccio in modo da avere delle monoporzioni da scongelare quando opportuno. Un cubetto è più che sufficiente per la dose per due persone.

Ultima nota: se scegliete di usare l’aglio fresco anziché quello in polvere, scartate il germoglio centrale, di più difficile digestione.

Aggiornamento a settembre 2013:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! di settembre con noci e nocciole, ospitato da LesMadeleinesDiProust.

Pesto trentino

Ingredienti per 6-8 porzioni:

10 foglie grandi di salvia
4 noci
un cucchiaino di lievito in scaglie
sale e aglio in polvere q.b.
olio evo q.b.

Lavare le foglie di salvia ed asciugarle perfettamente, dopodichè tagliarle a striscioline. Sgusciare le noci e spezzettarle con le mani.

Nel bicchiere del mixer unire salvia, noci, lievito in scaglie, sale e aglio. Aggiungere 3-4 cucchiai di olio evo ed iniziare a mixare, versando a filo altro olio se fosse necessario.

Consumare subito o conservare in frigo coperto da uno strato d’olio o in freezer.

Questa voce è stata pubblicata in crudo, idee regalo, progetti, salse sughi condimenti, salutiamoci!, senza glutine, vegan e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Pesto trentino

  1. Pingback: Gnocchi di ricotta | la tana del riccio

  2. Triquetra ha detto:

    Non ne avevo mai sentito parlare… e dire che vado matta per i pesti (per condire la pasta, le insalate…)!😀
    Grazie per questa ricettina sfiziosa!🙂

  3. Cesca*QB ha detto:

    Anche per me è una novità, ma solo a leggerlo sa di buono…
    Buon viaggio!^_^

  4. Daria ha detto:

    Che buono! Con tutta la salvia che mi ritrovo lo preparo sicuramente!
    Grazie!

  5. Sissa ha detto:

    Eh sì, sono molto simpatici i pesti🙂 con tutte le varianti che offrono! Bella la meta delle vacanze, non ci sono mai stata ma è una citta che mi affascina! Ne saprò di più al tuo rientro ;)))
    Notte,
    Sissa

  6. sara ha detto:

    mai assaggiato questo pesto, ma lo farò molto presto, visto che mia mamma mi regala sempre rami giganteschi di salvia!

  7. xcesca ha detto:

    grazie a tutte! si tratta di un’ottima alternativa al classico burro&salvia, ma senza burro (nemmeno vegetale mi convince molto) e con le noci che danno quel saporino in più🙂

  8. Felicia ha detto:

    Adoro i pesti…. sono una vera fan di tutto quello che posso inserire nel boccale del frullatore. Questo non lo conoscevo, mi piace…. adoro la salvia!!! lo proverò quanto prima, devo aspettare che la nostra salvia si riprenda…….😦

  9. Arianna ha detto:

    Come mi piace questo pesto….con la salvia non l’ho mai fatto!!!!

  10. Katy ha detto:

    Che buono! …e che meraviglia Istanbul, la città tra Oriente e Occidente! Divertitevi e fate taaaaaaaante foto🙂

  11. Camiria ha detto:

    Mi accodo ai complimenti e alla bontà del pesto, seconda ricetta da provare e segnare!
    Buon Viaggio e poi vogliamo le foto ^_^

  12. xcesca ha detto:

    Grazie a tutte! Sono proprio contenta che vi sia piaciuto!
    Per il viaggio manca ancora una settimanella, ma spero di documentare e godermelo.. chissà che bello!!

  13. ravanellocurioso ha detto:

    Interessantissimo con salvia e noci … mai provato ma da replicare al più presto! Grazie ed un grande saluto da Ravanello

  14. Pingback: Gnocchetti di tofu in crema di melanzane allo zafferano | la tana del riccio

  15. Pingback: Salutiamoci: mangiare bene per stare bene – noci e nocciole | la tana del riccio

  16. su ha detto:

    Che buono dev’essere! datemi solo varianti di noci ed erbe e sono felice!
    saluti
    Su

  17. Pingback: Gnocchi di castagne e farro | la tana del riccio

  18. Pingback: Zuppa di cannellini al pesto trentino e riflessioni | la tana del riccio

  19. Pingback: RoveretoGreen e i burger di lenticchie per Salutiamoci! | la tana del riccio

  20. Pingback: Pasta natalizia | la tana del riccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...