Gnocchi di ricotta

Questo post è dedicato alla Fra bionda.. sì, perché di “Francesca” ne conosco tante (oltre a me stessa, si intende), tutte davvero belle personcine.. ed ognuna devo distinguerla quando ne parlo..

Ma questo è per quella Fra che quasi un anno fa mi aveva chiesto la ricetta.. quella a cui avevo risposto che gliel’avrei data solo quando sarebbe venuta a cena da me.. la stessa che si è ammalata proprio quando avevamo finalmente trovato un attimo libero.. la stessa che finalmente ieri sera è capitata da me dopo una giornata piena almeno quanto la mia, ma questo non ci ha impedito di gustarci finalmente una sana chiacchierata!

In quest’anno che è passato ho avuto modo di sperimentare questa ricetta un po’ di volte e ne sono uscite due versioni: una con e l’altra senza uova. Sono molto buone entrambe, vedete un po’ voi cosa avete in frigo.

Si tratta di gnocchi lampo, nel senso che si fanno in un attimo.. non c’è da cuocere prima le patate, da schiacciarle sporcando tutto, da aspettare che si raffreddino.. si usa solo una ciotola, un cucchiaio, un semplice tagliere di legno.. e 10 minuti del vostro tempo (oltre che buoni ingredienti base).
Inoltre, con l’aggiunta di una porzione di verdura, è anche un piatto unico grazie alle proteine della ricotta.

Volendo prepararli in anticipo basta disporli ben separati su un vassoio infarinato e mettere in freezer. Al momento della cottura sarà sufficiente avere l’accortezza di far bollire molta acqua in modo che gli gnocchi congelati non interrompano eccessivamente il bollore.

Ieri li ho conditi con del pesto trentino (a breve la ricetta visto che il mio cespuglio di salvia sta riprendendo vigore), in alternativa va benissimo anche una semplice salsa di pomodoro.

Io per una volta ho usato la pastiglietta che scinde il lattosio al posto del mio stomaco..

Dimenticavo: si tratta della stessa Fra che sta sera, assieme ad altri, presenterà il suo viaggio in Perù con Giovani Solidali.

Fra, finalmente eccotela la ricetta! Ma la prossima volta vediamo di vederci un po’ prima, ok? Grazie ancora per ieri..

Gnocchi di ricotta

Ingredienti per due porzioni abbondanti:

versione con le uova:

250 gr di ricotta
1 uovo
125 gr di farina tipo 2
sale, pepe, e noce moscata

versione senza uova:

250 gr di ricotta
100 gr di farina tipo 2
sale, pepe e noce moscata

per condire:

salsa di pomodoro o
pesto trentino

Lavorare a crema la ricotta con un pizzico di sale, noce moscata e pepe. Se si sceglie di usare l’uovo aggiungerlo mescolando molto bene.

Versare la farina sulla crema di ricotta e mescolare con il cucchiaio fino a formare una palla piuttosto umida.

Infarinare molto bene un tagliere e, prelevando piccole quantità di impasto alla volta, formare prima dei filoni e poi tagliarli a pezzettini.

Volendo è possibile rigare ciascuno gnocco con la forchetta in modo che raccolga meglio il condimento. Infarinare molto bene gli gnocchi pronti.

Far bollire abbondante acqua salata e tuffare gli gnocchi per qualche minuto finché non vengono a galla. Scolare e mescolare delicatamente con salsa di pomodoro o pesto trentino.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in autoproduzione, pasta fresca, piatti unici, primi, ricette base e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Gnocchi di ricotta

  1. sarafly77 ha detto:

    3 parole: SA DDA Fá!! un bacione e grazie!

  2. Arianna ha detto:

    Che buoni, in tutte e due le versioni!!!!!

  3. xcesca ha detto:

    @sara: hehe, mi fa piacere che ti piacciano! visto su TV3? Io cercherò qualche replica.. ma purtroppo il catalano non lo capisco benissimo..
    @arianna: grazie!

  4. Francesca ha detto:

    eccomi qui..sono la Fra bionda 🙂
    grazie mille Franci (Pici)…sai che le cose più belle, e buone, vanno desiderate per esser apprezzate a pieno 🙂 ed io li ho desiderati tantoooooooo 🙂
    ora sono tutti miei muahahah 🙂
    grazie della splendida serata di ieri..di esserci stata questa sera..e della tua amicizia (oltre che della tua cucina 🙂 )
    ti abbraccio forte promettendo che la prossima volta sarà a breve 😛
    la tua Fra bionda

  5. Chiara ha detto:

    Buoni questi gnocchetti!! e soprattutto rapidi da preparare, il che aiuta molto!
    Consigli la ricotta di capra o vaccina? Qui se ne trovano di mille tipi e non so mai cosa scegliere!

  6. xcesca ha detto:

    @fra: grazie a te! e ancora complimenti per ieri sera.. mi avete fatto venire ancora più voglia di viaggiare!!!
    @chiara: onestamente non ho mai provato la ricotta di capra, ma per questi gnocchi ti consiglio di prenderne una morbida che, lavorata con il cucchiaio, diventa una crema.. non quelle più compatte e “sbriciolose” 🙂

  7. Chiara Volani ha detto:

    Slurp!!!!!!
    Che pastiglietta hai preso?
    Come si fa il pesto trentino?

    • xcesca ha detto:

      Ciao! ho preso il lacdigest.. lo prendo quelle rarissime volte che mangio qualcosa con i latticini, soprattutto quando sono in giro.
      Il pesto trentino è un pesto di salvia.. appena lo rifaccio pubblico la ricetta!

  8. attars ha detto:

    Uhhh Cesca che buoni che semrano questi gnocchi!
    Savo giusto pensando ad un modo per utiilizzare la ricotta vegetale e vorrei proprio provare a fare questi gnocchi, chissà come verranno!

    • xcesca ha detto:

      grazie attars! Fammi sapere poi come vengono, sono proprio curiosa! ti suggerisco solo di non farla asciugare eccessivamente altrimenti sarebbe troppo sbriciolosa..

  9. Camiria ha detto:

    Sicuramente con la ricottina vegetale verranno perfetti ^^
    E’ sempre piacevole condividere del tempo e delle belle chiacchierate con quelle amiche con le quali non si riesce a stare e non ci si sta insieme mai abbastanza! 🙂

  10. Dibuongusto ha detto:

    Ma che buoni!!!
    Preferisco la versione senza uova.
    Sono incappata per sbaglio nel tuo blog.
    Devo di dire che mi piace come cucini…. Ciao

  11. Pingback: Pesto trentino | la tana del riccio

  12. LaFonga ha detto:

    Questa ricetta riceve la certificazione “Puppini” ovvero ricette per bambini-puppini dai 4 denti in sù. Il nostro mini-critico gastronomico ha detto che sono buonissimi! Ne ha mangiato un piatto intero e ha spazzolato anche quello che era caduto per terra.

    • xcesca ha detto:

      Wow! Che onore un commento così positivo da parte della puppina-giudice!! Davvero dovremmo farci un pensierino alla rubrica Puppini! Ne riparliamo 😉

  13. Pingback: Gnocchetti di tofu in crema di melanzane allo zafferano | la tana del riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...