Crema alle cime di rapa e crostini ai pomodori secchi

Non è che qui nella tana del riccio non si mangiano più zuppe e minestre.. è che di solito sono il menù della cena e non c’è ancora abbastanza luce la sera per far foto. Ed è davvero difficile che ne avanzi per il giorno successivo.

Ma questa ricetta mi è piaciuta proprio tanto e così ho resistito ed ho avanzato una ciotolina per potermela gustare il giorno seguente a pranzo e per poter fare la foto.

Sta continuando il mio periodo senza lievito (sigh!), ma cuochettainpuntadipiedi mi è venuta in soccorso con il suo buonissimo irish bread. In pratica si tratta di un cake salato che sfrutta il bicarbonato, attivato dall’acido dello yogurt.

Nel mio caso ho usato farina integrale di farro e fiocchi di avena al posto della crusca. Inoltre ho optato per lo yogurt di soia e il siero ottenuto dallo yogurt colato aggiunto all’acqua. Beh, che dire, è proprio buono anche se sicuramente è più simile ad un cake salato che al pane vero e proprio. Ad ogni modo vi consiglio questa ricetta semplicissima, che tra l’altro si presta a mille varianti!
Per me, tostato e con la marmellata di arance amare, è stato la fine del mondo!

Aggiornamento a dicembre 2012:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! ospitato da l’orto di Michelle.

Crema alle cime di rapa e crostini ai pomodori secchi 

Ingredienti per due persone:

1 piccola cipolla dorata
2 patate
1 mazzetto di cime di rapa
1 cucchiaio di olio evo
sale integrale o dado granulare
acqua q.b.

per i crostini:

2 fette di pane integrale raffermo
4 pomodori secchi sottolio

Appassire la cipolla tagliata sottilmente nell’olio. Aggiungere anche le patate a cubetti e nel frattempo pulire le cime di rapa scartando la parte più dura dei gambi.

Mettere in pentola anche le cime di rapa tagliate a striscioline, rigirare per un paio di minuti e coprire a pelo con l’acqua.

Lasciar cuocere coperto a fuoco lento per 15-20 minuti.

Nel frattempo tagliare a pezzetti i pomodori secchi e metterli in una padella ampia con parte del loro olio. Aggiungere anche il pane a cubetti lasciandolo tostare.

Salare la minestra e frullarla aggiungendo poca acqua calda se necessario. Servirla con i crostini ai pomodori secchi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in minestre e zuppe, primi, vegan e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Crema alle cime di rapa e crostini ai pomodori secchi

  1. Nadir ha detto:

    Sicuramente buona, ma per come mi piacciono le cime di rapa penso che difficilmente riesco a farle così. Ne ho preso ieri 1 kg … potrei farne una parte così e l’altra nel modo classico (cioè stufate in padella con aglio e peperoncino) 🙂

    • xcesca ha detto:

      hehe, certo che con aglio e peperoncino sono ottime.. magari con un bel piatto di pasta.. infatti il giorno prima metà mazzo aveva fatto quella fine 😉
      Questa diciamo che è un’alternativa più serale 🙂

  2. LaFonga ha detto:

    Era un pò che mancavo! non sono qui per la ricetta ma per lanciare un appello:

    SERVE UNA VEGETARIANA A MASTERCHEF… ANZI UNA FONGA!

  3. Herbi ha detto:

    che bontà! … e che foto meravigliosa|
    questo anno abbiamo preso i semi delle cime di rapa, così potremo gustarle homemade – sempre che venga fuori qualcosa, è il mio ottimismo che sta scrivendo! 🙂
    a proposito di periodo senza lievito, mi hai fatto venire in mente che ieri ho visto la ricetta di un pane alla birra, con bicarbonato.. è questo
    http://anotherkitchenblog.wordpress.com/2012/03/06/pane-alla-birra/
    ma sono abbastanza ignorante in materia, ma adesso mi viene in mente che forse il lievito c’è, dentro la birra…

    • xcesca ha detto:

      ciao! mi fai sempre un sacco di invidia per il vostro clima che permette addirittura peperoni d’inverno 😉 .. per non parlare di avocados, asparagi selvatici a febbraio.. meglio non pensarci!
      purtroppo nella birra c’è lievito, ma questa ricetta me la segno.. sembra interessante e ottima per provare le mie sperimentazioni su ricette a base di birra!
      A proposito.. oggi travasando la birra autoprodotta ho recuperato del “lievito della birra”.. avevo già fatto esperimenti tempo fa, ma se ho tempo replico e posto!

  4. Arianna ha detto:

    Mmmmm questi crostini con i pomodori secchi renderanno la zuppa deliziosa!!!

  5. notedicucina ha detto:

    Ma caspiterina! Sai che anche noi abbiamo sempre questo annoso problema delle foto serali? D’altronde siamo “all’antica”, i flash appositi non li abbiamo e di conseguenza facciamo le macumbe perchè quando cuciniamo qualcosa di interessante fuori ci sia il sole :-). Detto questo… La zuppa è un capolavoro!

  6. spighetta ha detto:

    Come mi piace il tuo blog! Le ricette sono niente male! Adoro le cime di rapa e questa zuppetta fa proprio per me ;D

  7. xcesca ha detto:

    @notedicucina: come vi capisco! per non parlare del fatto che si deve aspettare per mangiare.. e per la fretta a volte le foto non vengono per niente belle.. aaah, la gola! 😉
    @spighetta: grazie mille! sei gentilissima! è un onore ricevere un commento così da te.. mi piacciono un sacco i tuoi piatti a base di riso di tutti i tipi!

  8. Marianna ha detto:

    Adoro le cime di rapa, proverò assolutamente questa ricetta, l’abbinamento con i pomodori secchi è stuzzicante…devo solo riuscire ad essere determinata e non farmi fuori tutte le cime di rapa prima di frullarle…
    complimenti per il blog, mi piacciono le tue ricette!

  9. Katy ha detto:

    Ah ah ah Cesca! 😀 Ti capisco in pieno, da me mancano quasi totalmente i “secondi” perché li mangio di sera e non ho modo di fotografarli…figurati se ne resta per il giorno dopo!
    Questa crema è bellissima e poi io i pomodori secchi li metterei ovunque 🙂
    Comunque con il bicarbonato si riesce a fare quasi di tutto, ricordo che non troppo tempo fa i ragazzi di Note di Cucina hanno pubblicato anche la pizza senza lievito 🙂

  10. xcesca ha detto:

    @marianna: io uso spesso la coppia cime di rapa-pomodori secchi.. prova, non te ne pentirai, ci stanno proprio bene! 😉 grazie mille!
    @katy: anch’io sono patita dei pomodori secchi, per di più ho la fortuna che ho mia mamma che mi rifornisce di quelli autoprodotti.. meglio di così! 🙂 Corro a vedere la ricetta di notedicucina, graziee!

  11. ravanellocurioso ha detto:

    sempre stupende le tue foto! e grandissime ricette che amo solo a guardarle …

  12. Pingback: Bulgur ai broccoli con peperoncino e noci per Salutiamoci! | la tana del riccio

  13. Lo ha detto:

    ah che tristezza…da me è così difficile trovare le cime di rapa 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...