7 cereali per 7 giorni – giovedì: la segale

Ed eccoci arrivati alla metà di 7 cereali per 7 giorni, oggi parlerò di un altro cereale poco usato: la segale.

Alzi la mano chi ha mai provato una ricetta con i chicchi di segale anziché la farina.. pochini? Ho anche provato a fare una piccola ricerca su internet ma davvero non è facile trovare ricette con i chicchi!

Non si può dire che sia un cereale particolarmente digeribile, ma ha un indice glicemico basso rispetto agli altri e inoltre ha un valore alto di lisina, che, leggo da Wikipedia, permette al tessuto del muscolo di usare più efficientemente l’ossigeno, migliorando la tolleranza allo stress, il metabolismo dei grassi ed ha anche un effetto anti-fatica.

E secondo voi potevo proporvi una ricetta con la farina di segale? Noo, di quelle se ne trovano già tante! Oggi proviamo i chicchi!
Ma con questo non vi dico assolutamente di non usare la farina! Anzi! Ne ho giusto ordinata un po’ con il GAS!

Per il suo sapore mi è venuto spontaneo associarla a gusti altrettanto rustici.. il condimento ricorda vagamente quello dei pizzoccheri, ma senza patate e formaggio. La seconda cottura in forno gli dà quel non so che in più.

Aggiornamento a dicembre 2013:
Con questa ricetta partecipo a Salutiamoci! di dicembre ospitato da.. me 🙂

Segale al forno con verza e salvia

Ingredienti per 2 persone:

130 gr di segale
un pizzico di sale integrale
circa mezza verza piccola
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di olio evo
6 foglie di salvia
1 cucchiaio di pasta di umeboshi (facoltativo)
2 cucchiai di lievito in scaglie
pepe

Mettere a bagno la segale per circa 12 ore. Scolare, versare in una padella con abbondante acqua e un pizzico di sale integrale e lasciar sobbollire fino a cottura ultimata.

Nel frattempo staccare due foglie di verza e sbollentarle per 3-4 minuti, scolarle e tenerle da parte.

In una pentola versare l’olio evo, e scaldare lo spicchio d’aglio a cui avremo tolto il germoglio centrale (è il più difficile da digerire) e le foglie di salvia tagliate a striscioline sottili. Aggiungere la verza tagliata a striscioline, far insaporire per qualche minuto dopodiché versare circa un bicchiere di acqua bollente, coprire e lasciar stufare a fuoco lento.
Circa a metà cottura aggiungere anche la pasta di umeboshi sciolta in poca acqua e proseguire. Se necessario versare altra acqua bollente al bisogno.

Aggiungere la segale scolata alle verze e lasciar insaporire 5 minuti. Spegnere, aggiungere il lievito in scaglie e mescolare bene.

Ungere leggermente due cocottine singole (o eventualmente una pirofila da forno), inserire in ognuna una foglia di verza scottata, riempire con la segale e richiudere con i bordi che avanzano.
Spolverare di lievito in scaglie, salvia spezzettata e pepe prima in infornare a 200° per circa 15 minuti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 7 cereali per 7 giorni, cereali, primi, progetti, vegan e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a 7 cereali per 7 giorni – giovedì: la segale

  1. Herbsherbi ha detto:

    che bonezza. mai provata la segale e raccolgo questa perla sul germoglio centrale dell’aglio che non conoscevo!

  2. Nadir ha detto:

    La segale manca tra i miei cereali … dovrò rimediare.

  3. notedicucina ha detto:

    I chicchi di segale proprio ci mancavano, perbacco! Che meraviglia questi post sui cereali, c’è tanto da imparare!

  4. xcesca ha detto:

    Grazie a tutti! effettivamente la segale in chicchi è davvero poco utilizzata e anch’io la sto scoprendo ora.. più avanti magari aggiungerò qualche altra ricettina che ho provato. Buoni esperimenti a tutti!

  5. Pingback: Progetto 7 cereali per 7 giorni | la tana del riccio

  6. stefania campagnuolo ha detto:

    Mi piace molto questa ricetta.la verza èquesta .Grazie fra le mie verdure preferite,che ho sempre preparato con cipolle pancetta e riso (ricetta napoletana).Ma tutto questo è da dimenticare Ho il diabete ,quindi alimentazione nuova .Così ho comprato questa segale in chicchi, ma è stato dificile trovare una ricetta appetibile come questa
    .A domani, mentre la segale sta facendo il suo bagnetto lungo 12 ore,come da istruzioni del sacchetto e NON lette da me perchè troppo piccolo,Al solito ! stefania campagnuolo

  7. stefania campagnuolo ha detto:

    Scusate ma il mi p.c. fa i capricci e la scrittura saltella qua e là ora riscrivo :
    “Mi piace molto questa ricetta..Grazie. La verza è fra le mie verdure preferite,e l’ ho sempre preparata con cipolle pancetta e riso (ricetta napoletana)
    .Ma tutto questo è da dimenticare Ho il diabete ,quindi alimentazione nuova .Così ho comprato questa segale in chicchi, ma è stato dificile trovare una ricetta appetibile come questa
    .A domani alora, mentre la segale sta facendo il suo bagnetto, lungo 12 ore,come da istruzioni del sacchetto e NON lette da me perchè troppo piccolo,Al solito ! stefania campagnuolo

    • xcesca ha detto:

      Grazie Stefania, torna a raccontarmi se ti è piaciuto!
      Ho provato altre ricette con la segale in chicco, quando torno dalle ferie penso di postarle.
      Buoni esperimenti!

  8. Pingback: Segale in crema di carote e seitan croccante | la tana del riccio

  9. Pingback: Cavoli! Vi aspetto questo mese per Salutiamoci! | la tana del riccio

  10. broccolocarota ha detto:

    Adoro la segale! Ogni tanto mi cucino i suoi cicchi con i semi di finocchio tutta per me!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...