Semplice come il pane

Il pane, nella sua semplicità, racchiude qualcosa di magico.. mi ha sempre affascinata la lievitazione, sbirciare ogni tanto nel forno spento per vedere se la “creatura” cresce, la combinazione di alimenti così semplici che da vita a qualcosa di straordinario! Senza contare il potere terapeutico dell’impastare, e la soddisfazione nel mangiarsi del pane Vero (tema molto attuale in questi giorni..)!

Prima dai miei, e ora anche a casa nostra, il pane si fa rigorosamente in casa.. all’inizio con il lievito di birra, poi con bighe a lunga lievitazione, e ora con la pastra madre.. certo, i tempi di lievitazione si allungano parecchio, ma il gusto e la digeribilità ne guadagnano alla grande!

Ogni panificatore ha una sua ricetta casalinga, modificata con il tempo, ma che conosce a memoria e che ripete quasi sempre.. io qui vi presento la mia.

Tenete conto che le farine le cambio un po’ tutte le volte a seconda di quello che ho in casa, e che a ispirazione aggiungo semi o frutta secca. Nel pane della foto ho usato metà farina integrale e metà farina 0, e mentre formavo il filoncino ho aggiunto dei semi di papavero.

Facendo il pane circa due volte a settimana, e usando tempi di lievitazione abbastanza lunghi anche per la lievitazione naturale, non sento la necessità di rigenerare la pasta madre la sera prima. Di seguito il mio procedimento, ma ognuno poi troverà il suo.

Normalmente tengo circa 250 gr di pasta madre in un vaso in frigo. La mattina che decido di fare il pane ne prelevo 100 gr e la rigenero: la stempero con metà del suo peso in acqua tiepida (50 gr) e con un cucchiaino di malto, poi aggiungo pari peso (100 gr) di farina di manitoba, mescolo bene con un cucchiaio e ripongo nel suo vaso di vetro lavato senza detersivo, appoggiandoci sopra il tappo senza chiudere. Lascio la pasta madre a temperatura ambiente per circa 8 ore, o comunque finché non è almeno raddoppiata di volume, dopodiché ripongo in frigo fino alla panificazione successiva.

Con la restante pasta madre faccio il pane.. il primo impasto la mattina, il secondo in pausa pranzo, e la cottura la fa il moroso dato che torna prima a casa lui dal lavoro. Vedrete che i tempi di lievitazione sono molto approssimativi perché tutto dipende dalla temperatura, dall’umidità e.. dal tempo che avete. Insomma, non vi dico che è una cosa facile che non necessita di tempo, ma se avete voglia è fattibile (più della lievitazione con il lievito di birra che implica essere a casa per circa 3-4 ore di fila)!

Di solito prediligo usare almeno il 60% di farina integrale (biologica, presa con il GAS), ma poi dipende tutto dalla disponibilità della dispensa e dalla voglia del momento, inoltre variando la farina (ma anche solo da una marca all’altra mantenendo la stessa tipologia) cambia anche la quantità di acqua necessaria, quindi fate un po’ di prove, l’impasto deve risultare malleabile a mano ma morbido.

Pane a lievitazione naturale – ricetta base

Ingredienti:

circa 150 gr di pasta madre
1 cucchiaino di malto
280 gr di acqua tiepida
500 gr di farina a piacere
1 cucchiaio raso di sale
1 cucchiaio di olio evo

Stemperare la pasta madre con l’acqua e il malto, dopodiché aggiungere la farina e impastare a lungo. Io faccio con la macchina del pane, ma se fate a mano considerate un lavoro, molto terapeutico, di almeno 10 minuti.

Lasciate lievitare in un luogo tiepido e umido per circa 5 ore, circa fino a che il volume non è triplicato.

Impastare nuovamente aggiungendo anche sale e olio che messi prima renderebbero più difficile la lievitazione.

Formare un filone della forma desiderata, o tante pagnotte ed adagiarle sulla teglia infarinata. Mettere nuovamente a lievitare per altre 4-5 ore circa nel forno spento in cui avrete messo anche un pentolino di acqua bollente.

Quando si è raggiunta una buona lievitazione, togliere il pane dal forno, preriscaldare quest’ultimo a 220° e una volta raggiunta la temperatura infornare la pagnotta abbassando subito a 200°. Nel caso del filone serviranno circa 25 minuti di cottura, meno se avrete preferito le pagnotte.

Questa voce è stata pubblicata in autoproduzione, lievitati, pane, ricette base, vegan e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Semplice come il pane

  1. Riccardo Astolfi ha detto:

    complimenti!
    Sono orgoglioso di averti tra gli spacciatori…

  2. Elena Bedin ha detto:

    Ehehe anche qui Riccardo di Pasta Madre🙂 il mondo è piccolo!
    Ciccia, tu rinfreschi sempre con manitoba e malto?

  3. xcesca ha detto:

    Si, sempre manitoba e malto.. tu come fai?
    non mi dispiacerebbe provare con altro tipo di farina ma ho paura di uccidere la creatura😉

    • Elena Bedin ha detto:

      Guarda, stasera dopo aver letto il tuo post ho rinfrescato con la manitoba, ma senza malto, quello lo uso solo per la panificazione …
      Sai ho trovato un mulino che vende online farine macinate a pietra, ne ho presi 15kg (immagina Marcello che cosa può avermi detto :-)) ma devo ammettere che la differenza con le farine del super si sente eccome!
      Domani provo la tua ricettina del pane, poi ti faccio sapere! baci

      • xcesca ha detto:

        Hehe, rido solo a pensare alla faccia di Marc😀
        Ti credo che la farina del mulino è migliore! Io uso praticamente solo quella presa con il GAS o quella presa in umbria in un mulino bio come souvenir🙂 e mi trovo molto bene!
        Fammi sapere come ti è venuto! Un abbraccio

  4. Herbs ha detto:

    un giorno o l’altro anche io mi prenderò questo impegno della pasta madre, è già un anno che me lo ripeto, ma la foto del tuo filoncino così bella mi sta facendo diventare più risoluta!

  5. xcesca ha detto:

    Mi fa piacere🙂
    Tra poco è pure il Pasta Madre Day, non male come occasione per iniziare, no?😉
    Aspetto notizie!

  6. Pingback: Pane al Kamut … ricetta della Picci! « Il Profumo delle Cose Semplici

  7. Pingback: Girelle di farro con patè di pomodori secchi, capperi, semi di girasole e origano | la tana del riccio

  8. Pingback: Puces de siara – panini di segale | la tana del riccio

  9. Ciao, ma quando dici “150gr di pasta madre” intendi già rinfrescata? Cioè, prima di iniziare con la ricetta hai già rinfrescato?

    • xcesca ha detto:

      Ciao Silvia!
      Se la tua pasta madre è bella arzilla e l’hai rigenerata da pochi giorni, potresti usarla presa direttamente dal frigo, ma se vuoi fare le cose proprio fatte bene ti consiglio di rigenerarla qualche ora prima e, una volta raddoppiato/triplicato il volume di usarne 150 gr per il pane🙂

  10. Grazie della risposta velocissima. Proveró di certo questa tua ricetta. Purtroppo non sono ancora riuscita a fare del buon pane con la madre. Rimane sempre piuttosto denso. Spero di trovare la formula giusta.

    • xcesca ha detto:

      non scoraggiarti Silvia, ci vuole un po’ di tempo per conoscere la pasta madre, ma poi vedrai che risultati! Io ad esempio ora sento tanto il sapore del lievito di birra nel pane classico🙂
      Buoni esperimenti!

  11. Pingback: Colomba cocco-ciocco | la tana del riccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...