Budino raw autunnale

budinorawautunnalePer questo fine settimana vi lascio volentieri una ricettina talmente veloce, facile e buona che sono riuscita a farla anche in questi giorni di tanto lavoro e preparativi per i laboratori della prossima settimana.

Si tratta di un budino fruttariano, senza cottura, dolcissimo ma senza zucchero. Una vera coccola. Ora sto aspettando di ritrovare gli avocado in negozio e che maturino i cachi che mi hanno regalato per rifarlo il prima possibile!
Io l’ho decorato con pistacchi, cranberries e goji.. gnam!

Colgo l’occasione per avvisarvi che c’è ancora qualche posto disponibile per i due laboratori di lunedì e mercoledì prossimi! Qui trovate tutte le info, intanto vi ricordo solo che sono gratuiti e che per prenotarsi è sufficiente mandare una mail a latanadelriccioblog@gmail.com

LocandinaRoveretoGreen2014Buon dolce fine settimana!

Budino raw autunnale

Ingredienti per due porzioni piccole o una grande:

un caco
un avocado
3 datteri
un cucchiaio abbondante di cacao
frutta secca e disidratata per decorare

Pulire il caco, pelare e affettare l’avocado e denocciolare i datteri tagliandoli a pezzetti. Frullare il tutto con l’aggiunta del cacao in polvere fino ad ottenere una crema molto liscia.

Versare in bicchierini monoporzione, cospargere di frutta secca e disidratata a piacere e lasciar riposare in frigo 30 minuti in modo che si rassodi leggermente.

Pubblicato in crudo, dolci, dolci al cucchiaio, senza glutine, vegan | Contrassegnato , , , | 1 commento

Rovereto Green 2014: Laboratori di cucina sostenibile

LocandinaRoveretoGreen2014

Che latitanza in questo periodo direte voi!

In realtà LaTanaDelRiccio è attiva più che mai, ma magari non si nota tanto dal bloggino. Si sta avvicinando infatti la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (dal 16 al 23 novembre 2014) e anche quest’anno nel comune di Rovereto verranno organizzate tantissime iniziative molto interessanti: laboratori creativi, swap party, spettacoli, riciclofficine e… laboratori di cucina sostenibile!

Qui trovate il programma dettagliato di tutte le iniziative previste.

Ma oggi vi parlerò nello specifico dei due laboratori di cucina che terrò io. Prima di tutto una premessa: i laboratori sono tutti pratici, ogni partecipante preparerà in prima persona tutti i piatti, perchè sono convinta che solo attraverso l’esperienza pratica possiamo davvero imparare.

I laboratori sono gratuiti e a numero chiuso, è necessario prenotarsi all’indirizzo latanadelriccioblog@gmail.com

Cucina a basso impatto idrico

lunedì 17 novembre 2014 – ore 17.00 – 19.00
Oratorio Rosmini – Via Paganini, 14 – Rovereto (TN)

Quanta acqua consumiamo ogni giorno? Non stiamo parlando solo di quella bevuta o utilizzata per lavarsi, ma anche di quella che, indirettamente attraverso le nostre scelte alimentari, è richiesta per la produzione delle materie prime che utilizziamo. Essere consapevoli di questo ci può aiutare a ridurre la nostra impronta sul pianeta, senza rinunciare al gusto e alla qualità degli ingredienti.
Prepareremo un intero menù di stagione dall’antipasto al dolce prestando particolare attenzione a questo aspetto e, mentre degusteremo quanto preparato, sapremo quanta acqua abbiamo risparmiato rispetto ad un menù  più “tradizionale”.


Autoproduzione: più scelta e meno imballaggi

mercoledì 19 novembre 2014 – ore 17.00 – 19.00
Oratorio Rosmini – Via Paganini, 14 – Rovereto (TN)

Quante cose al giorno d’oggi compriamo quando potremmo produrle comodamente in casa? L’autoproduzione in cucina ci permette mille possibilità: venire incontro alle nostre esigenze, nutrirsi di alimenti sani, risparmiare, scegliere la qualità delle materie prime, ridurre finalmente i tanti imballaggi che pesano sul nostro pianeta e sulle nostre tasche.
Durante il laboratorio prepareremo insieme tante ricette di autoproduzione partendo da materie prime di qualità e rispettose dell’ambiente, prestando particolare attenzione alla riduzione degli imballaggi.


Non vedo l’ora di confrontarmi con voi, questi laboratori sono sempre occasioni ottime per fare quattro chiacchiere, scambiarsi idee, mettersi alla prova e imparare (anche per me!).

Spero di aver stuzzicato la vostra curiosità, non dimenticate di prenotarvi, vi aspetto la prossima settimana!

Pubblicato in autoproduzione, chiacchiere | Contrassegnato | 10 commenti

Crema di zucca e lenticchie con cavolo nero

cremazuccalenticchiecavoloneroLo so, ultimamente sono stata piuttosto assente sul blog (decisamente meno su Facebook). Il lavoro prosegue sempre a ritmi frenetici e fino a lunedì sono stata impegnata con mille prove per la preparazione di una torta di compleanno e dei cupcake che mi avevano commissionato. Il risultato è stato apprezzato, e mi ha fatto sorridere il fatto che sia piaciuto il dolce non eccessivo.. e pensare che per l’occasione ho usato lo zucchero e a me sembrava tutto dolcissimo!

Fatto sta che ora ho proprio bisogno di un periodo di disintossicazione da dolci, ma a dir la verità avevo solo ricette dolci in arretrato da pubblicare.. fino a qualche giorno fa quando mi sono preparata questa zuppa-coccola. Insomma, qui è arrivato il freddo, e con lui anche le zucche buone. Quindi cosa c’è di meglio che combinare le due cose per creare una crema riscaldante?

Vi lascio la ricetta nella sua semplicità, non so quando riuscirò a pubblicare ancora qualcosa, ora sono alle prese con l’organizzazione di due laboratori. A breve ne saprete qualcosa di più, ma vi consiglio di dare un’occhiata alla pagina Facebook di RoveretoGreen!

A presto!

Crema di zucca e lenticchie al cavolo nero

Ingredienti per due porzioni:

2 grosse fette di zucca delica
una cipolla
2 pugnetti di lenticchie rosse
2 cucchiaini di curcuma
2 rametti di rosmarino
uno spicchio d’aglio
un peperoncino
un mazzetto di cavolo nero
2 cucchiai di olio evo
sale integrale q.b.brodo vegetale q.b.
gomasio alle alghe

Soffriggere la cipolla tagliata sottile in un cucchiaio d’olio, aggiungere poi la zucca ridotta a cubetti e rigirare per qualche minuto. Versare in padella con le verdure la curcuma, il rosmarino e le lenticchie, mescolare bene e coprire con un dito di brodo vegetale. Coprire la pentola e portare dolcemente a cottura.

Nel frattempo pulire le foglie di cavolo nero e tagliarle a striscioline. Saltarle poi in padella con l’aglio e il peperoncino, aggiungere poco sale e cuocerle abbastanza al dente.

Quando la zuppa è cotta scartare il rosmarino e frullarla.

Servire la zuppa con il cavolo nero e una spolverata di gomasio alle alghe.

Pubblicato in legumi, minestre e zuppe, piatti unici, primi, senza glutine, vegan | Contrassegnato , , , , | 11 commenti

Soba agli spaghetti di verdura

udonzucchinecaroteEra tanto tempo che volevo provare la soba, in particolare mi ispirava la loro forma quadrata, così adatta a raccogliere i sapori. Poi quando ho comprato un aggeggio (pessimo per la verità quindi non ve lo consiglio) per spaghettare le verdure, mi sono venuti ancora di più in mente quegli spaghettini giapponesi.

Oltre che una ricetta, quello di oggi vuole essere un trucco per mangiare tanta verdura senza nemmeno accorgersene (non che per me sia un problema). Avendo infatti, spaghettini e verdure, la stessa forma, il tutto risulta perfettamente in armonia, armonia interrotta appena dalla croccantezza delle mandorle.

Ora torno ai miei esperimenti prima di scappare al lavoro. Buona settimana a tutti!

Soba agli spaghetti di verdura

Ingredienti per due porzioni:

160 gr di soba
una zucchina grande o due piccole
una carota grande o due piccole
2 cucchiaini di tahin
2 cucchiaini di salsa di soia
un cucchiaio di mandorle pelate
qualche filo di erba cipollina
un cucchiaio di olio evo
sale integrale q.b.

Portare ad ebollizione dell’acqua leggermente salata. Nel frattempo spaghettare la carota e la zucchina.

Quando bolle l’acqua tuffare gli udon; nel frattempo scaldare il wok con l’olio e tostare le mandorle tritate grossolanamente, conservandole poi al caldo.

Preparare il condimento emulsionando la salsa di soia con il tahin e l’acqua di cottura necessaria a formare una crema morbida.

Quando manca un minuto alla cottura degli udon aggiungere anche gli spaghetti di verdure in modo che si scaldino e inteneriscano leggermente.

Scolare la pasta e saltarla brevemente nel wok aggiungendo anche la salsa al tahin. Guarnare con qualche filo di erba cipollina e le mandorle tostate e servire.

Pubblicato in dal mondo, pasta, primi, vegan | Contrassegnato , , , , , | 8 commenti

Gelato alla banana e burro di arachidi

gelatoburroarachidiAnche da voi sta facendo un ottobre caldino? Ieri pomeriggio ero a vedere la partita del moroso in maniche corte, si stava proprio bene!
Ne approfitto per pubblicare una ricetta che è lì da un po’ ma che ci tenevo a condividere con voi prima dell’arrivo dei freddo.

Di come abbia scoperto il burro di arachidi ve ne ho già parlato qui, ma la combinazione con le banane e lo sciroppo d’acero è davvero una meraviglia. Vi consiglio di congelare un paio di banane finchè le temperature lo permettono!

Ultimamente il blog è un po’ fermo ma in cantiere ci sono alcuni laboratori per l’autunno e il poco tempo libero è dedicato a questo. Presto vi dirò qualcosa di più, intanto vi auguro una buona settimana.

Gelato alla banana e burro di arachidi

Ingredienti per due porzioni:

2-3 banane
un cucchiaio abbondante di burro di arachidi
un pizzico di sale integrale
qualche cucchiaio di latte vegetale
sciroppo d’acero q.b.

Tagliare le banane a fettine e congelarle per almeno una notte.

Frullare le banane con il burro di arachidi, il sale e il latte vegetale scelto necessario a rendere tutto omogeneo. Assaggiare e regolare la dolcezza con lo sciroppo d’acero.

Servire immediatamente con un filo di sciroppo d’acero.

Pubblicato in autoproduzione, dolci, dolci al cucchiaio, senza glutine | Contrassegnato , , | 10 commenti